Nuova Opel Astra, la prova su strada dell’auto dell’anno 2016

La nostra prova su strada e le nostre impressioni sulla Nuova Opel Astra. Tanta tecnologia e sicurezza

Abbiamo avuto modo di provare su strada la Nuova Opel Astra, che poi è l’auto dell’anno 2016; dopo averla provata abbiamo capito il perché. Tanta tecnologia accessibile in questa auto e tante chicche mai fini a se stesse ma che al contrario rendono la guida piacevole e soprattutto sicura.

E partiamo proprio da qui e da On Star che abbiamo usato per capirne le potenzialità e l’utilità (presente nell’allestimento innovation che abbiamo avuto modo di provare). Intanto c’è un evidente tasto SOS che può essere facilmente pigiato da un bambino. In caso di problemi basta schiacciarlo e verrete messi in contatto con un operatore.

Ad esempio in caso di incidente nel caso in cui si parano gli airbag verrete messi in contatto automaticamente con un operatore: La cosa interessante è questa: se sarete in grado di rispondere vi verrà inviata l’assistenza tecnica ma se non sarete in grado di rispondere si attiva il soccorso medico e la vostra posizione verrà inviata al 118. Ma non solo: ad esempio sei così pigro da non voler interagire con il display presente a bordo per una mappa? No problem basta pigiare il pulsante On Star e un operatore ti risponderà e gli chiederai di darti un’indicazione su un locale, un luogo, un ristorante e in un attimo ti farà apparire sul display una bella mappa che ti porterà a destinazione. Ma non solo. Vuoi fare un check-up al volo sul motore o sulla pressione pneumatici? chiedi a Opel OnStar! Un operatore da remoto ti dirà tutto sullo tato di salute della tua auto. Insomma, siamo nel futuro.

Oltre a questo ovviamente c’è IntelliLink che nell’ultima versione presente sulla Nuova Opel Astra, è predisposto per Apple CarPlay: è sufficiente collegare l’iPhone e di fatto avrai un second screen che fa mirroring della tua schermata dello smartphone e col quale potrai interagire direttamente “tappando” sulla schermata.

Non ci soffermiamo sugli aspetti estetici, se siete arrivati su questo articolo probabilmente è perché vi piace per cui analizziamo altri aspetti come la parte interna o il motore. Detto ciò nonostante sia più corta di 5 centimetri rispetto alla versione precedente lo spazio all’interno è aumentato sia per chi sta dietro sia per chi sta davanti.

Probabilmente il modello che avrà più riscontro sarà il turbodiesel 1600 CDTi da 110 cv a riscuotere più interesse ma le alternative non mancano secondo le vostre esigenze e il vostro stile di vita: kilometri percorsi in un anno, uso in città o meno e tutte le altre variabili che normalmente vi aiutano a scegliere un modello rispetto ad un altro ma in ogni caso qualunque sarà la vostra scelta stiamo sempre parlando di Opel Astra e non sbaglierete di sicuro.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Nuova Opel Astra, la prova su strada dell’auto dell’anno 2...