Nissan Note: più sicura, ora fa 100 km con 5,6 litri. Foto-pagella

La nuova Note guadagna un look più dinamico dentro e fuori, ma sopratutto molti sistemi di assistenza alla guida. Si confermano le doti di spazio e versatilità dell'abitacolo. In vendita a fine ottobre, da 13.200 euro

Con Qashqai e Juke ha cambiato i gusti degli automobilisti europei, portandoli sempre più verso le SUV/Crossover, ma la Nissan non rinuncia alla monovolume intorno ai 4 metri di lunghezza: ecco la Note atto secondo. Con due motori a benzina – 1.2 da 80 CV e 1.2 DIG-S da 98 CV (in arrivo a fine anno) e un turbodiesel 1.5 da 90 CV, la nuova Note ha un listino che parte dai 13.200 euro della 1.2 80 CV Visia e arriva ai 19.150 della 1.5 dCi Tekna.

Le prevendite cominceranno il 14 ottobre, mentre il weekend del 26 e 27 ottobre sarà l’occasione per vederla nelle concessionarie.

Stilisticamente parlando, sulle monovolume c’è poco da inventare: la sagoma a "uovo" è inevitabile. Detto questo, il nuovo modello ha un look molto più dinamico grazie all’abbandono dei gruppi ottici posteriori verticali e alla grossa griglia anteriore,ma anche grazie al cm in più di larghezza (170 in totale) e ai 2 cm in meno in altezza (153); invariata la lunghezza a 410 cm.

I giapponesi lo chiamano Safety Shield: si tratta del guscio immaginario composto dall’ausilio al sorpasso (dei led inseriti negli specchietti avvisano se nell’angolo cieco c’è un altro veicolo), dal dispositivo che evita cambi involontari di corsia tramite segnali sonori e dal Moving Object Detection, cherileva la presenza di persone in movimento dietro la vetturae avvisa il guidatore prima dell’irreparabile.

Ancora, c’è l’Around View Monitor, che inquadra la zona antistante la vettura: un prezioso aiuto negli incroci a bassa visibilità. Tutte insieme, queste tecnologie costano solo 1.000 euro (e compreso c’è anche il navigatore con touch screen da 5,8"): una cifra contenuta in rapporto ai danni che permettono di evitare.

Rispetto alla vecchia Note, la nuova ha un abitacolo un po’ più vivace nei rivestimenti, ma le plastiche non solo sono dure al tatto, generano anche rumori poco rassicuranti, quando le si urta o si chiudono i portaoggetti.

Portaoggetti che sono sparsi ovunque e che, insieme all’abbondanza di spazio, regalano la vivibilità che si pretende da un’auto per la famiglia. Il merito è anche del sedile posteriore che scorre di 16 cm (optional a 550 euro), grazie al quale si ha la libertà di decidere quanto spazio dedicare ai passeggeri e quanto ai bagagli. Il bello è che anche quando lo si mette in una posizione intermedia, persino quattro adulti da 1,9 metri di altezza si siedono senza problemi, mentre per le valigie restano circa 360 litri di capacità.

La nuova Note è ben calata nel ruolo di trasportatrice di coppie con figli: la tenuta di strada e la stabilità sono più che buone e, comunque, sempre sorvegliate dal controllodi stabilità (ESC). Quanto alle prestazioni, il motore DIG-S è abbastanza vivace nel prendere giri, ma è penalizzato dai cinque rapporti del cambio lunghi. Va meglio con il diesel 1.5: pronto e fluido già a 1.400 giri, permette di dimenticarsi, quasi, di frizione e cambio.

Ci si aspetterebbe di più dal comfort delle sospensioni, che in città danno qualche scossone inaspettato.I consumi? La 1.2 DIG-S,secondo il trip computer, ha messo a segno un buon 5,6 l/100 km dopo un percorso che prevedeva extraurbano (circa 70 km), autostrada (25 km) e città (15 km);4,8 per il diesel.

Gli allestimenti disponibili per la Note sono tre. Visia, con Stop/Start, sei airbag e cruise control con limitatore di velocità. Sulla Acenta si aggiungono, tra gli altri, il climatizzatore automatico,i sensori luce e pioggia e la connettività Bluetooth. Ancora più ricca la Tekna, con Nissan Safety Shield, NissanConnect, Around View Monitor e apertura senza chiave con I-Key di serie.

(a cura di OmniAuto.it)

Fonte: Ufficio Stampa

MOTORI Nissan Note: più sicura, ora fa 100 km con 5,6 litri. Foto-pagel...