Nuova Mazda3, grintosa, facile e intuitiva. Foto

La berlinetta 5 porte SKYACTIV-D 2.2 si dimostra una grande stradista con ottime qualità generali, in grado di affrontare la sfida con le rivali tedesche, a cominciare dalla Golf

Quando i giapponesi sfidano la Golf: potrebbe sintetizzarsi così la prova organizzata da Mazda Europe a Francoforte, in Germania, della nuova Mazda3 SKYACTIV-D 2.2, modello di berlina media che mostra buona qualità e soluzioni fuori dagli schemi, costituendo un’alternativa dal gusto esotico alla best seller tedesca.

Guardiamo lo stile: solo i giapponesi potevano pensare di mettere a capo del design il figlio di un celebre designer della stessa casa, come a voler sottolineare una tradizione di marca. E tipicamente giapponese è anche il concetto di associare alle forme di tutte le proprie auto un linguaggio che è anche un modo di pensare, e che richiama filosofie e tradizioni orientali: questa è per Mazda la fase del Kodo Design, "essenza del movimento", con linee mosse e scolpite degne di una coupé sportiva, ma quasi plasmate dal vento e dalle forze della natura.

Il frontale, poi, definisce con un’ampia mascherina e con la distribuzione particolare di luci e cromature, l’immagine di tutte le recenti Mazda, e le portiere posteriori sono ben integrate nel complesso design della fiancata.

L’esemplare provato sfoggia anche un colore sportivo, il "Soul Red Metallic", che insieme a grandi cerchi in lega da 18 pollici contribuisce ad accentuare l’aspetto grintoso. E la qualità delle singole parti e degli accoppiamenti delle lamiere non fa rimpiangere le tedesche più blasonate, nonostante si tratti di un esemplare di preserie.

Guardando, invece, all’ interno, qualcosa di più si può chiedere ad un modello di nuova produzione: altre concorrenti propongono soluzioni di connettività e multimedialità più avanzate, e lo schermo da 7" non è attivo.

Ottima invece la qualità di plancia e pannelli porta, sia per la scelta dei materiali di rivestimento delle parti principali, morbidi al tatto, sia per il design, semplice e moderno. Fanno bella figura anche le finiture in plastica che somigliano alla fibra di carbonio, o gli inserti metallizzati e in nero lucido; qualche limite solo su alcune plastiche un po’ troppo rigide. I sedili, poi, sono lontani dalla durezza della scuola tedesca: sono dotati di doppia imbottitura e molto accoglienti.

Lo spazio è per quattro persone, anche se è omologata per 5, e chi siede dietro deve un po’ abbassare la testa per la forma spiovente del tetto; il bagagliaio è piuttosto ampio, e i carichi si effettuano con facilità, per la soglia di accesso larga e il ripiano completamente piatto.

Su strada, la nuova Mazda3 si dimostra facile e intuitiva, come se la si fosse guidata da sempre; si vede bene in ogni condizione, i sedili non stancano, i comandi si trovano con facilità. La Mazda3 SKYACTIV-D 2.2 provata è dotata di cambio automatico classico, che insieme al 4 cilindri diesel common rail da 150 CV risulta sempre pronto ed efficiente; si può guidare anche cambiando le marce manualmente in sequenza, ma non se ne sente il bisogno.

Nelle autostrade tedesche, senza limiti di velocità, si dimostra veloce e sicura, dando il meglio quando la strada inizia a riempirsi di curve. E’ anche comoda e silenziosa: fino a 100 km/h il rumore più presente è il rotolamento dei grandi pneumatici e il rombo del motore a gasolio, che però risulta anche appagante: niente fruscii o scricchiolii, insomma. Note dolenti? Il consumo: lo Start&Stop, che spegne e riaccende il motore nelle soste, e una guida attenta hanno permesso di tenere in città una media di 6 l/100 km, ma lanciando la Mazda3 in autostrada il consumo è salito fino a 11 l/100 km, non poco per un diesel, sia pur di 2,2 litri di cilindrata.

Nel complesso, comunque, la sfida con l’antagonista Golf è superata: la Mazda3 può essere una valida alternativa, considerando anche il listino di questa versione diesel, disponibile da ottobre fra i 23.400 e i 25.700 euro, arricchito da molte dotazioni di serie.

(a cura di OmniAuto.it)
 

Fonte: Ufficio Stampa

MOTORI Nuova Mazda3, grintosa, facile e intuitiva. Foto