Nuova Lexus IS Hybrid, ecologica eppur sportiva

La berlina di lusso giapponese percorre più di 23 km con un litro di benzina, ha 223 CV e accelera da 0 a 100 km/h in 8,3 secondi

Può un’auto ecologica essere anche sportiva? La risposta che arriva dal marchio premium giapponese Lexus è sì, visto che dopo la berlinona GS 450h ora anche la nuova Lexus IS Hybrid abbina la trazione posteriore all’accopiata green "motore a benzina + motore elettrico". Il risultato è una tre volumi a quattro porte con 223 CV, 181 dei quali sviluppati da un quattro cilindri a benzina di 2,5 litri (per la precisione 2.494 cc) a ciclo Atkinson.

La Lexus IS Hybrid è l’unica versione della nuova IS ad essere commercializzata in Italia, a partire da giugno, in tre livelli di "ecologicità". Con l’allestimento Eco, infatti, il costruttore dichiara emissioni di CO2 di 99 g/km, che salgono via via passando per la versione Standard e fino ad arrivare ai 109 g/km della variante più dinamica F-SPORT. Il consumo medio dichiarato invece è di 4,3 l/100 km, mentre la categoria d’inquinamento è Euro 5+ per l’allestimento Eco, Euro 5 per il resto della gamma.



Sul fronte delle prestazioni la Lexus IS Hybrid mette in campo una velocità massima limitata elettronicamente a 200 km/h e un tempo di accelerazione da 0 a 100 km/h di 8,3 secondi. Questi i numeri garantiti da una meccanica caratterizzata – per quanto riguarda il quattro cilindri – dall’iniezione diretta di benzina D-4S, dalla doppia fasatura variabile Dual VVT-i lato aspirazione e scarico e dal sistema di ricircolo dei gas di scarico (EGR). Per il cambio, gli ingegneri continuano ad optare per il rotismo epicicloidale a variazione continua di rapporto E-CVT, attraverso il quale il conducente può impostare 5 differenti programmi di guida. Si va dalla trazione completamente elettrica EV, al programma che ottimizza i consumi ECO, passando per NORMAL, SPORT/SPORT S (maggiore reattività dell’acceleratore e irrigidimento dello sterzo) e SPORT S+ (taratura sospensioni specifica per la guida sportiva).

Optando invece per la versione F SPORT si ha diritto a sospensioni ulteriormente sviluppate per esaltare la dinamica di guida, in abbinamento al servosterzo elettrico più diretto e alle sospensioni attive variabili (entrambi optional). Per abbassare il baricentro, infine, la nuova IS Hybrid è la prima Lexus ad avere il pacco batterie installato sotto il bagagliaio, senza per questo limitare la capacità di carico, che resta paragonabile a quella delle concorrenti (i sedili posteriori sono abbattibili secondo lo schema 60:40).

(a cura di OmniAuto.it)

 

MOTORI Nuova Lexus IS Hybrid, ecologica eppur sportiva