La nuova hypercar ibrida cinese costruita in Italia

In arrivo i nuovi bolidi del Gruppo FAW e della società di design Silk EV, verrà costruiti nella ‘nostra’ Motor Valley

Nella zona più ‘calda’ per il settore automotive in Italia, ovvero la famosissima Motor Valley emiliana, nasce la fabbrica delle nuovissime supercar estreme del Gruppo FAW e di Silk EV. Il polo motoristico ‘sfornerà’ la nuova gamma di vetture elettrificate dalle prestazioni da record.

I primi dettagli e indiscrezioni hanno iniziato a trapelare lo scorso mese di febbraio, quando infatti avevamo già parlato di questo maxi investimento in terra romagnola. Walter de Silva, designer di fama mondiale, guiderà il team stile e design; arriverà la prima supercar cinese realizzata in Italia pronta a sfidare Ferrari e Porsche, il suo nome è S9, bolide ibrido prodotto in collaborazione con Dallara.

E finalmente è stata presentata la ultra coupé da 1.400 CV, che verrà prodotta dal 2023 a Reggio Emilia, proprio nel nuovo polo italiano d’eccellenza in ambito automotive hi-tech reso noto la scorsa primavera. Silk-FAW è la nuova joint venture sino-americana, madre della S9, l’inedita e potente hypercar ibrida plug-in che tutti aspettiamo, soprattutto dopo che sono stati dichiarati i numeri da record legati alle sue prestazioni: non solo 1.400 CV di potenza, ma anche 1.9 secondi per lo scatto da 0 a 100 km/h.

L’anteprima del modello è stata svelata a Milano, in occasione del Salone del Mobile (aperto da domenica 5 a venerdì 10 settembre). Questa versione si avvicina molto di più a quella che sarà l’auto in produzione, rispetto alla concept che era stata svelata al Salone di Shanghai 2021 ad aprile. Silk-Faw S9 sarà prodotta a Reggio Emilia a partire dal 2023.

L'hypercar ibrida Silk-FAW S9

La nuova hypercar ibrida Silk-FAV S9 ha 1.400 cavalli

Walter De Silva ne ha curato il design e lo stile, una coupé a motore termico centrale, dalle forme che si ispirano in maniera molto chiara al Motorsport. È stata scelta una soluzione “long tail”, a coda lunga, per fare in modo che l’auto possa assecondare nel miglior modo possibile i flussi verso la zona posteriore, tutto è legato alle doti velocistiche eccezionali della nuova hypercar ibrida.

Il propulsore ibrido ricaricabile si compone di un motore V8 bi-turbo da 918 CV e tre motori elettrici, che erogano 530 CV complessivi. Anche le batterie di alimentazione verranno realizzate in Casa, nello stabilimento emiliano. La potenza totale di 1.400 CV raggiunge un livello assoluto da record e, insieme a un peso abbastanza contenuto (1.450 kg circa), si traduce in prestazioni entusiasmanti.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI La nuova hypercar ibrida cinese costruita in Italia