Nuova Honda Jazz: più spazio e sicurezza

Honda presenta al Salone di Ginevra la terza generazione della Jazz. Stessa, nuova piattaforma del crossover HR-V

Debutta ufficialmente al Salone di Ginevra la nuova utilitaria della Honda per il segmento B, la Jazz, giunta alla terza generazione e ‘variante’ europea della Fit già commercializzata in Giappone e negli Stati Uniti. Diverse le novità, soprattutto tecnologiche, che caratterizzano la berlina nipponica.

Innanzitutto, la Jazz 2015 si basa sulla nuova piattaforma presente anche sul nuovo crossover HR-V, che permette di piazzare il serbatoio, dotato di un profilo più basso, sotto i sedili anteriori garantendo più spazio. Così facendo, la Jazz può condividere con la HR-V pure pure l’innovativo sistema Magic Seats di Honda, anch’esso fondamentale per gestire al meglio gli interni.

In generale, il maggiore spazio è una delle caratteristiche peculiari della nuova Honda: rispetto alla generazione precedente, la Jazz 2015 è più lunga di 95 mm all’esterno e con una distanza tra gli assi maggiore di 30 mm. Il risultato è così un bagagliaio di 354 litri con sedili in uso e 884 con i sedili posteriori abbassati.

Esternamente è caratterizzata da un design “fluido e filante”: la parte frontale è basata su una forma a ‘X’ mentre lateralmente spiccano due linee che danno particolare dinamismo. Sul posteriore, lo spoiler del portellone il prabrezza quasi verticale danno invece una sensazione di solidità, resa quasi aggressiva nei gruppi ottici angolari.

A livello strutturale è stato cambiato il telaio e si è lavorato profondamente sull’aerodinamica. La nuova Honda Jazz è così più stabile e controllabile, grazie anche alla nuove sospensioni, e particolare cura è stata dedicata pure alla diminuzione del rumore, anche all’interno, soprattutto nella zona del cruscotto. La struttura del telaio stesso è a compatibilità avanzata ACE (Advanced Compatibility Engineering), in grado quindi di migliorare la protezione degli occupanti in caso di collisione frontale.

Novità anche negli interni: la visibilità anteriore è accresciuta grazie al nuovo parabrezza mentre i materiali comprendono inserti e superfici di qualità. Il volante è accessoriato con comandi per le funzioni più comuni, verificabili direttamente sullo schermo centrale della console.

A livello di infotainment, ci si appoggia al display LCD multi-informazioni da 5″ ma su alcune versioni è disponibile l’Honda Connect con display da 7″ e relativo interfaccia intuitivo in stile smartphone. Basato su sistema Android, Honda Connect garantisce rapido accesso a servizi internet e la possibilità di sfruttare specifiche applicazioni scaricabili da Honda App centre ed orientarsi con il sistema di navigazione Garmin integrato. Sempre grazie ad Honda Connect si può poi sincronizzare l’auto con smartphone e altri dispositivi multimediali mediante MirrorLink, WiFi, Bluetooth, HDMI e USB.

Per quanto riguarda sicurezza e assistenza alla guida, come per tutti i nuovi veicoli Honda commercializzati in Europa, la Jazz offre di serie il sistema Honda City-Brake Active. Come optional sulla versione base ma di serie sulle altre versioni, c’è il Sistema Avanzato di Assistenza alla Guida (ADAS) con Intelligent Speed Assist (impostazione intelligente della velocità), Forward Collision Warning (avviso di collisione frontale), Lane Departure Warning (avviso di abbandono della corsia), Traffic Sign Recognition (riconoscimento dei segnali stradali) e High-beam Support System (sistema di regolazione automatica degli abbaglianti).

Per finire, da casa Honda puntano molto sul nuovo motore: al momento del lancio la berlina sarà disponibile con l’inedito propulsore i-VTEC da 1.3 litri con 102 CV a 6.000 giri/min con cambio manuale a sei rapporti trasmissione semi-automatica CVT. Ancora non svelati, però, relativi consumi e prestazioni, alla pari del listino prezzi per la commercializzazione nel Vecchio Continente, che avverrà la prossima estate.

MOTORI Nuova Honda Jazz: più spazio e sicurezza