Nuova Citroen C3 2020: comfort e un’infinità di colori. Il test-drive

Presentato il restyling 2020 della best seller del costruttore francese che offre un design moderno, accattivante e quanto mai personalizzabile, ma anche due motorizzazioni molto interessanti.

Diciotto anni di onorata carriera e numeri di vendita al vertice sia in Italia che in Europa, eppure la Citroen C3 è più fresca, frizzante e accattivante che mai. Ancor più con l’ultimo restyling 2020, che non cambia sostanzialmente l’estetica della vettura aumentando però le possibilità di personalizzazione ed il comfort di guida, realmente al top nel segmento in questione.

Virgilio Motori ha provato la Citroen C3 in un test drive a Oggiono (Lecco) dove si è tenuta la conferenza stampa di presentazione. Guidando sulle panoramiche strade che circondano il Lago di Como abbiamo avuto modo di godere a pieno del comfort e della guidabilità di questa vera best-seller di Citroen.

Tanta personalizzazione

Lo stile è decisamente un punto di forza della C3, ulteriormente arricchito negli allestimenti della versione 2020 che arrivano a consentire ben 97 combinazioni di colore fra carrozzeria a tetto. Personalizzazioni che piacciono al pubblico, visto che il 65% delle C3 vendute in Italia nella precedente versione è a due colori. Confermati e resi più robusti gli air-bump laterali sulle portiere, una novità introdotta proprio dalla precedente C3 per la salvaguardia della carrozzeria laterale. I gruppi ottici si arricchiscono di proiettori Led di serie, il design a V del frontale è leggermente accentuato. Nuove proposte anche per i cerchi in lega da 16 o da 17 pollici.

Comfort al top per un Segmento B

In linea con la propria storia recente, Citroen ha puntato forte sul comfort anche per quanto riguarda la piccola C3. Buono lo spazio nel bagagliaio, 300 litri che diventano ben 1300 a sedili abbattuti anche se il gradino di accesso è un po’ alto. Ma è proprio il comfort di guida ad essere particolarmente interessante. A partire dai sedili ‘Advanced comfort’, resi incredibilmente comodi da un inserto in poliuretano a diverse consistenze che offrono la giusta durezza e soprattutto un sostegno lombare davvero efficace. Il comfort è aumentato dalle ampie superfici in vetro, che offrono un’ottima visibilità a 360°, e da una buona insonorizzazione interna.

Sospensioni

Capitolo a parte merita il sistema sospensivo, in grado di filtrare e neutralizzare le asperità in maniera sorprendente. Si guida con una sensazione di morbidezza assoluta, che in contesto urbano fa davvero la differenza. Merito del lungo lavoro di Citroen sulle sospensioni, che regalano una sensazione di sofficità ovattata notevole per il segmento, pur senza utilizzare elementi elettronici o pneumatici. Il tutto senza perdere nulla in termini di maneggevolezza e reattività dinamica. L’assetto sembra davvero centrato, il rollio è contenuto così come il sottosterzo in uscita, mentre i cambi di direzione sono estremamente dinamici nonostante la persistente sensazione di morbidezza.

Aiuti alla guida e infotainment

L’infotainment è gestito tramite lo schermo centrale touch compatibile con Android Auto e Apple Car Play. Da qui è possibile gestire non solo i media, ma anche la navigazione e la climatizzazione. Non mancano ovviamente gli aiuti alla guida nella dotazione di sicurezza, in buona parte presenti di serie: mantenimento attivo della corsia, frenata automatica d’emergenza con riconoscimento dei pedoni e cruise control.

Motorizzazioni

Due motori, un benzina e un diesel, con tre possibilità di scelta. Il turbo-benzina è disponibile con un 1.2 tre cilindri sia da 87 cavalli cambio manuale – spendibile anche per i neopatentati, un plus non da poco – sia da 110 cavalli con cambio automatico a 6 rapporti (o manuale). Il turbo diesel è un 1.5 da 100 cavalli, sempre con cambio manuale a 6 rapporti.

Come va

Nel nostro test drive abbiamo provato le due versioni presumibilmente più ricercate sul mercato italiano: il diesel da 100 cavalli ed il benzina 110 cavalli col cambio automatico.

Diesel: perfetto per l’utilizzo di tutti i giorni, la coppia è praticamente sempre disponibile e la guidabilità è ottima. Grazie alla taratura dei rapporti, l’allungo è oltre le attese di un diesel: tirate le prime 4 marce si è ben oltre i 100kmh con ancora la quinta da spingere e la sesta di riposo. Non troppo comunicativo lo sterzo e un po’ ‘leggera’ la pedaliera, ma del resto si tratta di caratteristiche tipiche di tutte le piccole compatte. Non ci ha convinto la frizione del cambio manuale, che stacca a volte in maniera un po’ brusca.

Benzina: la versione da 110 cavalli, al di là delle esigenze di consumo che variano da persona a persona, sembra la più ‘centrata’ su questa macchina. Se si pensa ai motori 1.0 tre cilindri montati sui Suv compatti o i crossover, qui abbiamo un 1.2 per una vettura che supera appena i 1000 kg di peso, assicurando un perfetto rapporto peso-potenza. E infatti la C3 risulta sempre sveglia e pronta a svincolarsi da qualunque condizione. Ottimo invece in questo caso il cambio automatico, molto preciso sia in salita che in scalata.

I prezzi

La Citroen C3 2020 parte da 14.100 euro con la versione Live, disponibile unicamente con il motore PureTech 83 sino ad un massimo di 21.600 euro per la versione PureTech 110 con cambio automatico.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Nuova Citroen C3 2020: comfort e un’infinità di colori. Il test...