Nuova BMW M3 Berlina, grintosa e leggera con 431 CV. Foto

La quattro porte tedesca torna al sei cilindri e si veste di blu per l'occasione

La nuova BMW M3 Berlina torna ancora più sportiva con la bellezza di 431 CV espressi dal motore  turbo a 6 cilindri di tre litri e con un colore di lancio  particolare, il "Yas Marina Blu Metallic". Rispetto alla serie precedente il peso è diminuito di 80 kg e ora la nuova M3 riesce a raggiungere i 100 km/h in appena 4.1 secondi. Le ottimizzazioni aerodinamiche sono state sviluppare sulla pista del Nurburgring con il contributo dei piloti Bruno Spengler e Timo Glock.

Lo stile resta grintoso e funzionale, con le grandi prese d’aria "Air Curtain" anteriori,il sottoscocca liscio e il piccolo labbro aerodinamico sulla coda. Per la prima volta il tetto è stato realizzato in fibra di carbonio (per la precisione materiale sintetico rinforzato con fibra di carbonio, CFRP) permettendo di risparmiare 5 kg sul peso complessivo (1.520 kg) e di abbassare il baricentro della vettura.

All’interno della berlina ci sono una serie di elementi tipici di BMW M come la leva del cambio, il battitacco, il poggiapiede, la strumentazione e il volante sportivo in pelle e i sedili anteriori anatomici con logo BMW M illuminato. Per chi vuole guidare in pista la nuova M3 Berlina, è disponibile anche un’app gratuita chiamata BMW M Laptimer che permette di registrate sullo smartphone vari parametridi guida con analisi grafica delle reazioni del guidatore e possibilità di confrontare più giri. Fra le altre dotazioni di bordo ci sono il navigatore Professional 3D, il Driving Assistant Plus, l’High Beam Assistant a LED e l’Active Cruise Control ottimizzato con funzione Stop & Go.

La nuova BMW M3 Berlina monta di serie ruote fucinate da 18” con pneumatici differenziati nella larghezza: 255/40 ZR18 95Y davanti e 275/40 ZR18 99Y dietro. Opzionali sono invece i cerchi da 19”. Di serie anche il cambio manuale a sei rapporti dotato di funzione di doppietta in scalata (con regolazione del numero di giri nella marcia inferiore), frizione doppio disco e pastiglie di attrito in carbonio. Il cambio M Drivelogic doppia frizione a sette rapporti, invece, con Launch Control (M DKG di terza generazione), modalità manuale e funzione Smokey Burnout consente uno slittamento delle ruote posteriori entro determinati limiti. In caso di sovrasterzo per stabilizzare la vettura lo Stability Clutch Control apre la frizione. Per migliorare la resa della trazione posteriore è presente anche il differenziale attivo M con controllo elettronico del bloccaggio delle lamelle per fornire la coppia motrice alla ruota con maggiore aderenza.

Le sospensioni sono nuove e affinate sportivamente, con asse posteriore a cinque bracci e uso esteso dell’alluminio. Lo sterzo elettromeccanico è dotato delle tre linee caratteristiche di utilizzo COMFORT, SPORT e SPORT+, mentre l’assetto adattivo M su richiesta permette di selezionare la taratura degli ammortizzatori. L’impianto frenante BMW M Compound vanta quattro dischi autoventilati e forati con pinze a quattro pistoni davanti e due dietro, mentre optional si può avere l’impianto carboceramico BMW M.

(a cura di OmniAuto.it)
 


 

Fonte: Ufficio Stampa

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Nuova BMW M3 Berlina, grintosa e leggera con 431 CV. Foto