Scende in pista la nuova Aston Martin DBS Superleggera

Nel mondo delle supercar debutta una nuova vettura ad elevate prestazioni, presto presentata ufficialmente

L’Aston Martin DBS Superleggera scende in pista per sostituire la Vanquish e diventare quindi la top di gamma DBS.

La presentazione ufficiale della supercar inglese sarà tra poco, visto le foto spia che girano sul web e che immortalano l’auto al Nurburgring, camuffata in alcune parti, quelle più particolari e caratteristiche della vettura. Il design prende spunto quasi in tutto dalla meno potente DB11, anche se avrà una calandra più voluminosa e più protesa verso il basso e una fitta grembialatura a nido d’ape. La nuova Aston Martin DBS Superleggera è stata arricchita anche di moltissimi particolari aerodinamici e tecnici che garantiranno delle prestazioni degne di nota, di molto superiori rispetto alla precedente DB11, da cui prende la linea.

Tra queste peculiarità importanti la vettura monta uno splitter anteriore più prominente, le prese d’aria frontali e laterali sono più grandi, sul cofano ci sono sfoghi d’aria più corposi. Le minigonne inserite sulla nuova Aston Martin DBS Superleggera sono più pronunciate, più voluminoso anche l’estrattore posteriore. Sono stati aggiunti anche un nuovo spoiler sul retro e quattro terminali di scarico, due su ogni lato.

Come già detto, la nuova supercar sarà molto più potente rispetto al modello da cui eredita le forme. Dovrebbe avere lo stesso motore V12 5.2 twin turbo, di derivazione Mercedes-AMG, ma sono state apportate delle modifiche e migliorie che probabilmente porteranno il propulsore a sprigionare una potenza di 700 Cv, contro quella di 608 erogata dalla DB11.

Entro la fine di quest’anno dovrebbe essere presentata quindi l’erede della Vanquish, la nuova Superleggera. Nel frattempo, mentre aspettiamo la data del debutto ufficiale, Aston Martin sta provando la vettura con i vari test su strada. L’estetica del nuovo mezzo è decisamente più aggressiva rispetto all’antenata DB11, degna di una supercar.

La denominazione DBS fu usata per la prima volta nel 1967, per la grand tourer apparsa nel film di James Bond, Agente 007 Al servizio segreto di Sua Maestà. Nel 2007 fu poi recuperata per quella che fu la top di gamma del tempo per la Casa Aston Martin. Superleggera, invece, è la denominazione scelta per rendere omaggio all’officina milanese Touring Superleggera. Aston Martin promette il massimo livello di prestazioni per la nuova DBS Superleggera, oltre a prestare grande cura artigianale dei dettagli e del design durante la realizzazione.

aston martin dbs superleggera

MOTORI Scende in pista la nuova Aston Martin DBS Superleggera