Noleggio auto: ecco come non farsi fregare. Foto-guida pratica

In vista delle vacanze estive, tutti i dettagli del noleggio auto cui stare attenti per non subire batoste

Libertà, viaggio anti-stress, macchina nuova e in perfetto stato: è il noleggio auto estivo, così come giustamente pensato da chi vuole liberarsi delle scorie di un inverno lavorativo durissimo. Non dovrete pensare a Rc auto, bollo, manutenzione: è tutto compreso nel noleggio.

Purtroppo, però, quando si prende in affitto una vettura per un weekend o per un breve periodo (da una settimana a un mese), si deve prestare la massima attenzione alle clausole dei contratti. Ecco allora le parti più importante su cui puntare gli occhi al volo.

Ispezionate l’auto dentro e fuori. Ci sono ammaccature, graffi, punti dell’abitacolo rovinati? Tutto va scritto subito nel contratto. Altrimenti, quando – al termine del noleggio – ridarete l’auto indietro al noleggiatore, qualsiasi difetto o problema della vettura vi verrà addebitato. Con eventuali spiacevolissime discussioni sull’esistenza del guaio alla carrozzeria o alla tappezzeria già al momento della consegna del mezzo.

Fondamentale è la “responsabilità in caso di furto”: è l’esborso che resta a vostro carico se la macchina viene rubata. Per esempio, se la vettura da 15.000 euro “sparisce”, pagate 2.000 euro di penalità. Anche “responsabilità in caso di sinistro” di cui si ha colpa può fare male: 1.000 euro per quello stesso veicolo. Come eliminare quelle “responsabilità”? Con un’auto che vale 15.000 euro, quattro giorni, pagate 400 euro in presenza di “responsabilità” incidente di 1.000 euro e “responsabilità furto” di 2.000 euro.

Quei 400 euro lievitano a minimo 700 euro senza “responsabilità”. Sempre che ve lo consentano: in certe zone del Sud, le società di noleggio piazzano sempre e comunque le “responsabilità”, ineliminabili, per l’alto numero di furti e incidenti.

Spesso, poi, per la guida di persone al di sotto di 25 anni, è consentito il noleggio con applicazione di un supplemento: un 20enne sborsa di più sia per l’età sia per la eventuale eliminazione della “responsabilità”.

Se non restituite l’auto col pieno, pagherete un prezzo elevatissimo del carburante, più 30 euro per il solo fatto di non aver eseguito il pieno. La giornata di noleggio è considerata di 24 ore a decorrere dall’orario di consegna: se sforate, versate un’altra giornata.

Possibili problemi anche per la carta di credito: un addebito molto più elevato del prezzo del noleggio stesso vi viene subito bloccato, e sovente quella “paralisi” del denaro sulla carta dura diversi giorni dopo la riconsegna della vettura.

(a cura di OmniAuto.it)

Fonte: Ufficio Stampa

MOTORI Noleggio auto: ecco come non farsi fregare. Foto-guida pratica