Nissan: test di guida completamente autonoma a Tokyo

Nissan ha portato sulle strade di Tokyo il prototipo con la tecnologia di ultima generazione, il cui lancio sul mercato è previsto per il 2020

È stata scelta la berlina sportiva Infiniti Q50, opportunamente modificata, per testare la nuova tecnologia ProPILOT che permette al veicolo di funzionare in maniera autonoma in città e in autostrada. Il guidatore deve solo munirsi di un buon libro perché, una volta selezionata la destinazione sul navigatore di bordo, l’auto fa tutta da sola fino all’arrivo.

Scenari complessi, condizioni anche impegnative di guida, come gli incroci più trafficati di una città, vengono affrontati dall’AI del sistema incrociando i dati raccolti da 12 sonar, 12 telecamere, 9 radar a onde millimetriche, 6 scanner laser e una mappa ad alta definizione. Gli ostacoli sulla strada vengono gestiti senza problemi mediante l’aggiornamento dell’hardware e del software e affrontati con uno stile di guida molto “umano” e confortevole.

“L’ingegno è alla base di tutto ciò che facciamo in Nissan” ha dichiarato Takao Asami, Nissan Senior Vice President Research and Advanced Engeneering. “Il sistema ProPILOT di nuova generazione anticipa una tecnologia che sarà disponibile a partire dal 2020. La dimostrazione odierna è un altro esempio del nostro impegno per creare tecnologie di guida autonoma accessibili a tutti”.

Il sistema ProPILOT lo abbiamo già ammirato sulla nuova Nissan Leaf a zero emissioni, che, grazie a es31so, mantiene l’auto al centro della corsia in autostrada. Né Nissan Leaf è l’unico modello della casa giapponese e essere dotato di questo sistema che invece è già presente su Nissan Serena, X-Trail, Rogue e dal 2018 anche su Qashqai.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Nissan: test di guida completamente autonoma a Tokyo