Il mito Alpine continua, la nuova vettura da competizione A110 Rally

Realizzata in collaborazione con Signatech, ha un motore da 300 cavalli e trasmissione sequenziale a 6 rapporti

No, non vi state sbagliando. Né siete protagonisti involontari di un viaggio nel tempo che vi porta indietro di alcuni decenni. La Alpine A110 torna effettivamente in “pista” e si prepara a essere una delle protagoniste della prossima stagione rally.

L’annuncio è stato dato nel corso del Monza Rally Show 2019, dove la casa francese ha tolto i veli dalla vettura che segna il suo trionfale ritorno nelle corse su strada. La Alpine, infatti, vinse il campionato del mondo costruttori del primo mondiale WRC: era il 1973 e con la A110 “originaria” sbaragliò un’agguerritissima concorrenza. Certo, provare a bissare quel risultato già dal prossimo anno sarà difficile, ma la Alpine A110 Rally presentata a Monza ha tutte le carte in regola per ben figurare. Questa, almeno, la deduzione che si può fare leggendo le caratteristiche tecniche di questo bolide.

La vettura che prenderà parte al prossimo campionato rally nasce dalla Alpine A110 lanciata nel 2017 e si ispira profondamente alla Alpine A110S lanciata proprio quest’anno. Quest’ultima versione presenta un telaio in configurazione Cup, un motore potenziato fino a 292 cavalli e soluzioni tecnologiche d’alta gamma. Una perfetta base di partenza per realizzare la versione Rally che, dopo mesi di test e prove, è pronta finalmente a tornare alle competizioni. Certo, come spiega Régis Fricotté, Direttore Commerciale e Competizione d’Alpine, il lavoro da fare è ancora molto, ma il costruttore francese ha scelto un partner d’eccezione per lo sviluppo dell’automobile.

Alpine A110 Rally

fonte: ufficio stampa Alpine

I vertici del marchio di proprietà di Renault, infatti, hanno affidato l’adattamento dell’auto alle direttive e regole FIA WRC a Signatech, che già da  tempo collabora con la stessa Alpine nelle attività Cup e GT4. Ne è venuta fuori una bellissima auto da guidare, afferma lo stesso Fricotté, che verrà anche commercializzata a partire dal prossimo anno con un prezzo di listino di 150 mila euro.

Ma come sarà la A110 Rally che parteciperà al prossimo mondiale di categoria? Il motore è lo stesso 4 cilindri turbo da 1.8 litri montato dal modello di serie, ma opportunamente modificato per gareggiare alla pari degli altri veicoli. Il cambio sequenziale a 6 rapporti, mentre il differenziale è a slittamento limitato. Sul fronte della sicurezza, la A110 Rally presenta il roll-bar integrale omologato FIA, cintura a sei punti e un nuovo (e più efficiente) impianto frenante Brembo.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Il mito Alpine continua, la nuova vettura da competizione A110 Rally