Mercato auto in Italia: il diesel crolla, salgono le ibride

La pandemia di Coronavirus rimane la maggior responsabile della continua inflessione sul mercato auto

Grazie al report del Ministero dei Trasporti che segnala la situazione del mercato automobilistico italiano per il mese di febbraio 2021, emerge che il calo di immatricolazioni rispetto allo scorso anno registra un -12.3%.

La situazione quindi resta preoccupante, i dati sono pesanti, l’inflessione del mercato auto continua e la maggior responsabile è la pandemia di Coronavirus, che ormai da un anno ha colpito il globo intero e sembra non volerci proprio ‘lasciare in pace’. Abbiamo visto infatti i nuovi provvedimenti presi dal Governo Draghi per quanto riguarda i colori delle regioni e anche le regole per gli spostamenti, tutto mira a contenere la diffusione di un virus che ormai è diventato una delle più grandi piaghe globali.

Gli effetti collaterali della situazione sanitaria sono legati alla crisi economica e alle limitazioni sulla circolazione. Lo scenario quindi continua a essere a dir poco negativo e drammatico, ma in questo panorama emerge un dato molto interessante: le vetture con motorizzazione elettrificata invece giovano di questa situazione che viviamo e registrano una crescita del 123%, molto elevata, sicuramente anche grazie agli incentivi statali.

Il dato che ci lascia sbalorditi, eclatante e storico, riguarda le auto ibride leggere che, per la prima volta, sorpassano le diesel. Registrano un aumento delle immatricolazioni del 146,1% e arrivano al 28,8% del mercato, più in alto delle macchine alimentate a gasolio che invece passano dal 34,9% al 25%.

Buon momento anche per le auto elettriche, le immatricolazioni per le zero emissioni infatti aumentano del 36,6% e la loro quota di mercato passa dall’1,5% al 2,4%. Incremento del 301,7% per le plug-in hybrid, che passano dallo 0,7% al 3,4%, dati entusiasmanti per le motorizzazioni ‘alternative e green’. Le auto a benzina non vengono comunque ‘battute’, rimangono in cima alla classifica, sono le più vendute, nonostante il calo delle vendite.

Sono i privati a continuare a sostenere la domanda del mercato auto italiano, rispetto alle imprese. Facendo un focus sui brand, possiamo dire che Stellantis resta senza alcun dubbio il primo Gruppo in Italia, nonostante il calo del 13% di febbraio 2021, rispetto allo stesso mese del 2020. Citroen è l’unico marchio del Gruppo in positivo, buona anche la situazione di Suzuki, Mazda, Skoda, Toyota (Yaris ha appena visto il premio di Auto dell’Anno 2021), Dacia, Ferrari, Hyundai e Volvo.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Mercato auto in Italia: il diesel crolla, salgono le ibride