Mercato auto in crisi, si pensa di togliere l’IVA sulle elettriche

Una delle tante soluzioni pensate per cercare di sostenere il settore dell’automotive

La grave epidemia di Coronavirus che ha colpito il nostro Paese, e tutto il mondo, purtroppo ci ha costretto a rispettare un duro periodo di lockdown, con tutte le attività commerciali chiuse, tranne quelle ritenute strettamente necessarie, come supermercati e farmacie.

L’economia del nostro Paese, e in particolare di tutta Europa, è stata messa in ginocchio da questa grave situazione. Ecco il motivo per cui l’Unione Europea sta pensando alle soluzioni più efficaci per riuscire a superare questa crisi economica, che coinvolge il settore automobilistico, sprofondato in una crisi senza precedenti. Le auto elettriche potrebbero essere le protagoniste della nuova fase di rilancio del comparto.

In Europa tutta questa situazione potrebbe davvero dare una spinta all’elettrico, mettendo in secondo piano le motorizzazioni alimentate dai carburanti tradizionali. Il Governo in Italia ha stanziato, come ben sappiamo oggi, altri 100 milioni di euro per supportare l’Ecobonus legato alle auto e alle moto, in grado di garantire sconti ai cittadini che decidono di acquistare un nuovo veicolo a zero emissioni. L’Unione Europea pare stia anche ragionando sulla possibilità di eliminare le tasse nei Paesi dell’UE, con vantaggi che ovviamente cambierebbero a seconda del Paese di riferimento.

Facendo degli esempi concreti infatti parliamo del 17% in Lussemburgo, del 22% dell’IVA in Italia, del 27% in Ungheria. Grazie a questa decisione da parte dell’Unione, potrebbe sparire l’IVA dal prezzo di listino delle auto elettriche, e lo sconto non sarebbe male, anzi. Tagliare quindi tasse e IVA potrebbe davvero dare una grande spinta al mercato auto, in particolare a quello delle soluzioni elettriche, aiuterebbe inoltre i produttori e i concessionari a rialzarsi da questa crisi senza precedenti, causata dal lockdown forzato per contenere l’epidemia di Coronavirus. Al momento non c’è ancora niente di ufficiale, ma speriamo che davvero qualcosa possa accadere.

In questo momento le uniche certezze che abbiamo sono la spinta del Governo italiano verso la micromobilità, i cittadini che acquistano quest’anno un monopattino o una bicicletta infatti possono beneficiare di un bonus che rimborsa il 60% della spesa sostenuta, fino a un massimo di 500 euro. Oltretutto abbiamo visto che anche gli incentivi legati a moto e auto aumenteranno, ma tutto questo potrebbe non bastare a risollevare il mercato dell’automotive, quindi aspettiamo delle decisioni più incisive.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Mercato auto in crisi, si pensa di togliere l’IVA sulle elettric...