McLaren, il futuro sono i carburanti sintetici

La Casa britannica produttrice di bolidi sta lavorando a un nuovo prototipo

Oggi non si parla d’altro che di Coronavirus purtroppo, siamo in pieno stato di emergenza sia in Italia che in tutta Europa e in altri Paesi del mondo. La pandemia ha chiaramente messo in ginocchio la sanità e purtroppo causato troppe vittime, tutto è fermo e noi dobbiamo stare a casa, l’economia globale ne sta risentendo parecchio.

Tutti pensano a come ripartire e risollevarsi da questa situazione così drammatica e che ovviamente nessuno di noi si aspettava, il settore auto sta vivendo una crisi senza precedenti e le previsioni per il 2020 non sono per niente rassicuranti. Ma volgendo lo sguardo al futuro parliamo di carburanti sintetici.

A questo proposito McLaren oggi sta lavorando ad un progetto con l’obiettivo di andare a realizzare il prototipo di una supercar che funzioni alimentata da carburante sintetico; in questo modo, il celebre costruttore britannico di auto sportive vuole dimostrate quanto sia valida questa nuova tecnologia, che permette di mantenere in vita i tradizionali motori termici, che quindi possono essere visti come una valida e efficace alternativa all’elettrificazione e quindi a tutte le moderne motorizzazioni che hanno l’obiettivo di azzerare le emissioni inquinanti.

È la rivista britannica Autocar a parlare per la prima volta di questo nuovo progetto segreto, svelando che è stato proprio Jens Ludmann, chief operating officer (COO) di McLaren, a dichiarare: “La tecnologia relativa ai carburanti sintetici è ancora in fase di sviluppo, ma se si considera che questi possono essere prodotti utilizzando l’energia solare, che sono facilmente trasportabili e che non richiedono modifiche alle pompe dei distributori che abbiamo oggi, ci sono potenziali vantaggi in termini di emissioni e praticità che McLaren ha deciso di esplorare”.

Secondo Ludmann per valutare l’impatto totale e reale della CO2 dei veicoli 100% elettrici “occorre decidere se conteggiare la produzione delle batterie”, ormai lo abbiamo detto moltissime volte; Ludmann ha anche precisato che “i motori di oggi necessiterebbero solo di piccole modifiche per funzionare con i carburanti sintetici e vorrei vedere per questa tecnologia ottenere un po’ più di visibilità nei media”.

In conclusione Jens Ludmann ha dichiarato: “Esiste un ulteriore potenziale, quello di combinare il carburante sintetico con un sistema ibrido, cosa che renderebbe ancora più pulito il funzionamento”.

Non è l’unico a parlare di carburanti sintetici, abbiamo visto proprio nei giorni scorsi il capo tecnico di Volkswagen, Matthias Rabe, dichiarare che i motori diesel e benzina non potranno sparire molto in fretta, anche Mazda e il CEO di Porsche, Oliver Blume, hanno affrontato la questione con le stesse convinzioni. Porsche dichiara: “Abbiamo calcolato che grazie ai carburanti sintetici riusciremo a diminuire le emissioni di CO2 con i nuovi motori”.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI McLaren, il futuro sono i carburanti sintetici