Mazda presenta il motore rotativo di nuova concezione

Durante il Motor Show di Bruxelles Mazda presenterà al pubblico la sua nuova MX-30, con una novità molto importante per quanto riguarda la propulsione

Mazda resta da sempre fedele al suo approccio multi-solution per affrontare le sfide globali nell’obiettivo di ridurre le emissioni di gas serra. In linea con questi obiettivi, la Casa presenterà una nuova opzione di propulsione per la sua MX-30 al Motor Show di Bruxelles 2023.

Disponibile sul mercato europeo dalla primavera di quest’anno, il nuovissimo ed esclusivo powertrain ibrido plug-in del crossover compatto Mazda sarà caratterizzato da un generatore elettrico azionato da un motore rotativo di nuova concezione. Il nuovo modello della MX-30 sarà svelato allo stand del marchio all’interno del Motor Show di Bruxelles il 13 gennaio 2023, siamo tutti pronti ad accogliere le novità della Casa. Nel frattempo vediamo alcune anticipazioni.

Il motore rotativo di Mazda

La Casa automobilistica ha detto addio al suo motore rotativo ormai 10 anni fa. Elemento che rappresentava grande gloria e vanto per il brand giapponese. È vero che in quell’addio c’era già un sentore di arrivederci, o almeno, erano le voci che si susseguirono ai tempi, tanti i rumors dopo che Mazda abbandonò totalmente la produzione della RX-8, che fu appunto l’ultima vettura del brand a montare quel tipo di motore.

E il vociferare oggi è confermato: il motore rotativo è infatti pronto a tornare, non sembra vero. Nuova veste per la propulsione moderna, che non verrà installata su una nuova coupé sportiva – come accadde in passato – ma sulla Mazda MX-30 (prima vettura a zero emissioni del brand), insieme al motore elettrico.

Questo significa che il primissimo modello elettrico della Casa è pronto, quest’anno, a diventare anche ibrido plug-in, grande novità per Mazda. Al momento non sappiamo ancora i dettagli tecnici del nuovo crossover PHEV, il comunicato stampa ufficiale annuncia esclusivamente il debutto della nuova versione dell’auto in occasione del Salone di Bruxelles, che si terrà dal 13 al 22 gennaio 2023.

Sul resto al momento non sappiamo nulla, ma visto che il motore viene definito come “powertrain plug-in hybrid di nuova concezione”, pensiamo che la nuova soluzione sarà qualcosa di mai visto prima. E lo speriamo, non vediamo l’ora di avere in mano tutti i dettagli.

In particolare, la nuova Mazda MX-30 sarà dotata del suo consueto motore elettrico, ma alimentato dal nuovo motore rotativo. Il Wankel quindi non sarà legato alle ruote, ma verrà inserito sull’auto per alimentare le batterie di trazione. In questo modo il nuovo crossover nipponico aumenterà la sua autonomia, che al momento è di circa 200 chilometri, secondo il ciclo WLTP.

Per quanto riguarda la potenza, non sappiamo nulla. Mazda al momento non ha rilasciato altre informazioni a riguardo, perciò il motore elettrico potrebbe essere ritoccato – andando ad aumentare i 145 cavalli di potenza attuale – oppure no. Oggi ma MX-30 scatta da 0 a 100 km in 9,7 secondi e viaggia fino a 140 km/h di velocità massima (limitata elettronicamente). Chissà se le performance verranno migliorate o rimarranno tali e quali. Staremo a vedere.

Mazda MX-30: com’è fatta

A proposito di MX-30, è il crossover 100% elettrico e 100% Mazda. Dotato di una batteria leggera con tutta l’energia necessaria anche per i giorni più impegnativi, sempre nella massima sicurezza, come la Casa stessa dichiara. Mazda MX-30 ha ottenuto le cinque stelle Euro NCAP anche nella resistenza agli impatti laterali.

Oggi l’auto è disponibile in quattro combinazioni multi-tonalità, compresi i nuovi colori di base Zircon Sand e Jet Black. I tempi di ricarica sono stati migliorati già nella MY2022, in modo da poter tornare su strada più rapidamente. Per quanto riguarda gli interni, oltre alle finiture Pure White e Vintage Brown, il nuovo rivestimento nero Urban Expression rivela eleganza e vitalità, senza rinunciare al comfort.