Maserati Grecale, proprio quello che mancava per il futuro

Maserati resta legata alla tradizione e al DNA del marchio del Tridente, ma guarda con fiducia al futuro con un mezzo che apre le porte all'elettrico

Maserati punta sempre più sulla qualità, strizzando l’occhio al futuro. La Casa del Tridente, infatti, ha deciso di aprire le porte al mondo dell’elettrico, con un nuovo e chiaro corso segnato dalla dirigenza del marchio. L’amministratore delegato Davide Grasso ha remato in maniera convinta verso l’elettrificazione dei mezzi, che verrà completata entro il 2030, col nuovo modello Grecale, la sportiva MC20 e il motore Folgore.

Grecale, il SUV che apre all’elettrico

A sorprendere e fare sognare gli appassionati del marchio del Tridente è il nuovissimo e poliedrico Maserati Grecale, il SUV perfetto per la guida di tutti i giorni che è pronto a conquistare il mercato. Con il compatto la Casa mira a piazzare un altro tassello fondamentale nel cammino verso l’elettrificazione totale della gamma, con un mezzo pensato e prodotto per una clientela molto più vasta (già dalle prime immagini dei collaudi Maserati Grecale aveva emozionato).

Progettato per un consumatore finale che vuole dalla guida di ogni giorno comodità, sportività ed eleganza, Grecale con le sue tre motorizzazioni punta forte a far crescere il fatturato di Maserati. E ha le carte in regola per portare via tanti clienti alle Case concorrenti.

Considerato che il segmento dei D-SUV vale 1 milione di vendite l’anno, con una crescita potenziale del 30-40%, Maserati ha optato, come detto, per tre motorizzazioni per Grecale, con due ibride e la potente V6 di derivazione Nettuno e che spinge il compatto fino ai 530 CV. Nell’ottica futura, però, l’incognita rimane “soltanto” il cliente che verrà nel 2030, ovvero se sarà pronto a viaggiare su una Maserati 100% elettrica. Per quell’anno, come detto, dovrebbe terminare la produzione delle vetture spinte dal motore a combustione, mentre oggi è ancora possibile scegliere tra termico o elettrificato, mentre nel 2025 l’opzione sarà tra elettrificato o 100% elettrico.

Il compito del nuovo Grecale, prodotto con l’esemplare zero nel 2021, sarà quello, entro il 2025, di testare la versione Folgore 100% elettrica con l’obiettivo di mantenere il Dna del Tridente per garantire le stesse emozioni alla guida classiche di un mezzo Maserati.

Grecale, il primo SUV di Maserati
Fonte: Ufficio Stampa Maserati
Grecale è il primo SUV della Casa del Tridente

Grecale, problemi a Cassino

Dal punto di vista industriale, Maserati ha fatto sapere che i siti industriali di Mirafiori, Cassino e Modena riusciranno a garantire, senza alcune difficoltà, la produzione richiesta per il nuovo mezzo una volta che aumenteranno le domande di Grecale. Ma nelle ultime settimane il Tridente ha dovuto fare i conti con i problemi dell’impianto di Cassino.

L’avvio della produzione del nuovo SUV nel sito industriale in provincia di Frosinone era fissato a venerdì 10 giugno 2022, ma ancora una volta i cancelli dello stabilimento FCA Cassino Plant sono rimasti chiusi. Il fermo produttivo va avanti ormai dal 27 maggio e, dopo il rinvio dell’apertura al 3 giugno, anche la data per il via alla produzione di Grecale non ha portato a nulla.

In programma, secondo quanto si vocifera, doveva prevedere la produzione di circa 170 unità di Grecale, ma l’ennesima doccia fredda è arrivata a poche ore dal grande giorno. Gli operai, tra l’altro, si erano presentati nell’impianto mercoledì e giovedì per svuotare le linee dai modelli Giulia e Stelvio di Alfa (di recente presentate nella versione ESTREMA per i puristi Alfa), per poi riservare le energie produttive al primo SUV della Casa del Tridente.

Col blocco del 10 giugno i giorni di stop nei primi cinque mesi del 2022 sono ben 30.