Mahindra: la casa automobilistica indiana più famosa

Mahindra è la più famosa casa automobilistica indiana, ma non tutti la conoscono. Scopriamo qualcosa in più su questo marchio

Mahindra & Mahindra Limited (M&M) è il più grande produttore automobilistico dell’India, ma al di fuori del paese asiatico pochi conoscono questo marchio.
Mahindra nasce nel 1945, non come produttore automobilistico ma commerciando acciaio con Gran Bretagna e Stati Uniti d’America. Il passaggio alla produzione di veicoli avviene nel 1947, con l’assemblazione di fuoristrada e riscuotendo un ottimo successo a livello nazionale. Successivamente l’azienda ha espanso l’attività in molti altri importanti settori, tra cui la produzione di motoveicoli, trattori agricoli, SUV e di veicoli leggeri commerciali, servizi di Information Technology tramite la Tech Mahindra, servizi finanziari legati allo sviluppo di infrastrutture e, recentemente, nello sviluppo di componenti e nell’offerta di servizi ingegneristici tramite il Mahindra Systems e Automotive Technologies (MSAT).

Questo sviluppo societario ha trasformato la Mahindra in un gruppo adatto sia per il mercato indiano, sia per quello d’oltreoceano. Tale affermazione è dimostrabile dall’accordo di collaborazione siglato con Renault per la commercializzazione sul mercato asiatico di autovetture di progettazione della casa francese. Il marchio ha manifestato inoltre interessi di acquisizione vrso alcune aziende automobilistiche occidentali come Jeep, Land Rover e Jaguar.
I veicoli di punta della casa indiana sono la Mahindra Goa, XUV500, Genio e Quanto.

A livello sportivo, anche per far conoscere maggiormente il suo nome a livello internazionale, partecipa dal 2011 al Campionato Mondiale di motociclismo della classe 125 (ora Moto3) e dal 2014 al Campionato di Formula E, in entrambi con il team Mahindra Racing, non riscuotendo però risultati importanti. Nella scuderia di Formula E schiera, come piloti, delle vecchie conoscenze della Formula 1, il brasiliano Bruno Senna e il tedesco Nick Heidfeld. Inoltre, nel 1962 la Mahindra ha fondato la Mahindra United, società calcistica di Mumbai (ex Bombay), che attualmente gioca nella I-League Second Division indiana, con un titolo nazionale e due coppe della Federazione indiana nel palmares.

Come detto già in precedenza, l’attività nelle telecomunicazioni e nell’Information Technology è nelle mani della Tech Mahindra, joint venture tra l’indiana Mahindra e l’inglese British Telecommunications. La Tech Mahindra è nata, nel 1998, come compagnia di servizi software e forniva servizi all’industria delle telecomunicazioni, fino a diventare il più grande fornitore Telecom in India.

Mahindra: guarda il listino prezzi

Guarda tutte le schede auto, la storia e le curiosità di tutte le altre case automobilistiche consultando questo elenco alfabetico:

AbarthAlfa Romeo, Alpine, Aston Martin, Audi, Bentley, BMW, Cadillac, Chevrolet, Chrysler, Citroën, Dacia, Daihatsu, Dodge, DR, DS, Ferrari, Fiat, Fisker, Ford, Gonow, Great Wall, Honda, Hummer, Hyundai, Infiniti, Isuzu, Jaguar, Jeep, Kia, Lada, Lamborghini, Lancia, Land Rover, Landwind, Lexus, Lotus, Martin Motors, Maserati, Maybach, MazdaMcLaren, Mercedes, MG, Mini, Mitsubishi, Morgan, Nissan, Opel, Pagani, Peugeot, Porsche, Qoros, Renault, Rolls-Royce, Seat, Skoda, Smart, Ssangyong, Subaru, Suzuki, Tata, Tesla, Toyota, Volkswagen, Volvo.

Immagini: Depositphotos

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Mahindra: la casa automobilistica indiana più famosa