L’innovazione dei motori Bluemotion: tanta grinta e poco inquinamento

Bluemotion è un marchio Volkswagen usato per le vetture aventi le migliori prestazioni in fatto di emissioni

Il marchio Bluemotion è una certezza per tutti coloro che intendono acquistare una vettura Volkswagen.

La casa tedesca indica con la targhetta Bluemotion le vetture di sua produzione che presentano i consumi più bassi e la minore quantità di emissioni.

Chi desidera scegliere un’automobile grintosa ed elegante, ma allo stesso tempo intende mantenersi in linea con le più moderne esigenze ecologiche, deve scegliere una vettura Bluemotion. Il marchio è stato introdotto da Volkswagen nel 2006 e oggi è utilizzato per modelli dell’intero gruppo tedesco anche per alcune vetture SEAT e Skôda.

Non sono moltissime le vetture che si possono fregiare del marchio Bluemotion, cosa che lo rende ancora più esclusivo.

Le caratteristiche che rendono una vettura Bluemotion più ecologica rispetto alle altre sono:

  • la centralina che gestisce il motore, con uno speciale software che garantisce costantemente i migliori consumi possibili;
  • diversi rapporti per le marce e quindi cambio modificato;
  • migliore aerodinamica; sistema di recupero dell’energia in frenata e sistema Start/Stop.

La somma dei migliori ritrovati nel campo del risparmio energetico sulle automobili permette di mantenere basse le emissioni di gas di scarico fortemente inquinanti, rendendo le vetture con il motore Bluemotion più adatte alla guida nelle città congestionate dal traffico. Ma non solo: a minori emissioni corrispondono anche consumi e prestazioni eccezionali, che garantiscono il risparmio per quanto riguarda le spese di carburante. In particolare il sistema elettronico di gestione del motore permette un funzionamento più economico ed ecologico.

Il Gruppo Volkswagen non produce modelli di vetture disponibili esclusivamente con i motori Bluemotion. Si tratta piuttosto di alcuni modelli dell’ampio catalogo che sono disponibili anche nella versione Bluemotion, che montano motori modificati ad alte prestazioni, scatole del cambio molto particolari e aerodinamica ribassata e più performante. Alcuni modelli presentano anche dei treni di gomme a bassa resistenza all’attrito e migliore rotolamento su strada, che permettono anche una guida più sicura, cofortevole ed ecologica.

I motori Bluemotion utilizzati da Volkswagen sono indicati dalla sigla TDI (turbocharged diesel direct injection) e TSI (boosted petrol stratified direct injection) e sono disponibili per buona parte dei modelli più famosi della casa tedesca, come la nuova Golf TSI Bluemotion.

Immagini: Depositphotos

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI L’innovazione dei motori Bluemotion: tanta grinta e poco in...