La Hyundai Ioniq si fa in tre: ibrida, plug-in ed elettrica

Hyundai propone la nuova Ioniq, con tre motorizzazioni elettriche

Con Ioniq l’elettrico si fa in tre: al Salone di Ginevra Hyundai, da sempre una delle case all’avanguardia neella ricerca sui motori ‘puliti’, ha proposto una nuova berlina, prima auto di serie al mondo che permette di scegliere fra tre differenti motorizzazioni elettriche: ibrido, plug-in e elettrico 100%.

“IONIQ rappresenta un passo fondamentale per il nostro marchio in Europa: abbiamo inteso realizzare un nuovo, originale prodotto in tema di e-mobility (mobilità elettrica) – Jochen Sengpiehl, Vice Presidente Marketing di Hyundai Motor Europe – Ioniq è un’auto senza compromessi in tema di design, piacere di guida e nuove funzioni di connettività, ed accessibile a tutti”.

Come anticipato, Ioniq è disponibile in versione ibrida, plug-in e elettrico. Sui primi due modelli c’è il nuovo motore “Kappa” 1.6 benzina GDI 4 cilindri ad iniezione diretta in grado di erogare 105 CV e 147 Nm di coppia massima con un rendimento termico al vertice della categoria (40%) e cambio a sei rapporti a doppia frizione (DCT), estremamente fluido. Il motore elettrico addizionale permette anche una guida 100% elettrica. Sull’esperienza di guida, influiscono positivamente anche la coppia istantaneamente disponibile e l’adozione delle sospensioni posteriori multi-link.

Dal canto suo, il motore elettrico della Ioniq in versione ibrida eroga 32 kW (43,5 CV) con una coppia massima di ben 170 Nm, alimentato da una batteria con polimeri agli ioni di litio dalla capacità di 1,56 kWh posizionata sotto i sedili posteriori che ottimizza il proprio contributo al propulsore durante la marcia, rigenerando rapidamente la carica necessaria.

In combinazione con il motore 1.6 GDI, la Ioniq ibrida eroga complessivamente una potenza massima di 141 CV e fino a 265 Nm di coppia massima, con velocità massima di 185 km/h ed emissioni di CO2 previste a partire da 79 g/km su ciclo combinato.

Chi invece punterà sulla Ioniq plug-in potrà contare su oltre 50 chilometri (stimati) di silenziosa guida elettrica al 100%, spinti dalla potente batteria di 8,9 kWh con polimeri agli ioni di litio. I 61 CV del motore elettrico, uniti ai 4 cilindri 1.6 GDI che equipaggia la Ioniq plug-in, forniscono una potenza massima di 141 CV, con emissioni di CO2 contenute in 32 g/km.

Per finire, ecco l’opzione più ‘eco’, ovvero quella completamente elettrica, che si affida ad una una batteria con polimeri agli ioni di litio da 28 kWh per un’autonomia massima stimata di oltre 250 km. La coppia massima è di 295 Nm, disponibile immediatamente, mentre la potenza arriva ad un massimo di 120 CV, con velocità massima di 165 km/h.

Le attenzioni della Hyundai per la nuova Ionic non si sono però ovviamente concentrate solo sul motore. Il design vanta un coefficiente aerodinamico CX di 0,24 per una linea filante e comunque grintosa come si conviene ad una cinque porte.

Tra i particolari distintivi a livello estetico della Ioniq ci sono poi le scelte cromatiche: il blu caratterizza la versione ibrida e Plug-in sia all’esterno che all’interno mentre per l’elettrica si è optato per il rame, tradizionalmente levato ai cavi conduttori di elettricità.

In linea con le crescenti richieste in tema in infotainment, sulla Ioniq sono poi disponibili Android Auto, Apple Car Play, servizi Tom Tom Live e ricarica wireless del proprio smartphone. Sul quadro strumenti da 7 pollici TFT sono invece visualizzate tutte le informazioni relative ai parametri dell’auto.

Per finire, completo anche il pacchetto dei sistemi di assistenza alla guida e di sicurezza, fra cui spiccano l’AEB (Frenata Autonoma d’Emergenza), il Lane-Keep Assist System (LKAS), il controllo dell’angolo cieco (BSD), la vista posteriore (Rear Cross Traffic Alert) oltre al cruise control adattivo.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI La Hyundai Ioniq si fa in tre: ibrida, plug-in ed elettrica