Jeep Renegade, addio al diesel: a Melfi la produzione della versione ibrida plug-in

Anche il gruppo Fca punta sull’elettrificazione della propria gamma di vetture e la prima ad essere coinvolta da questo processo sarà la Jeep Renegade. Entro il 2022, FCA offrirà un totale di 12 sistemi di propulsione elettrica (100% elettrico, PHEV, full-hybrid e mild-hybrid) nelle architetture globali, con 30 diversi modelli che monteranno uno o più di tali sistemi.

La notizia importante per l’Italia è che la Jeep Renegade, molto apprezzata sul mercato, sarà prodotta nella versione ibrida plug-in a Melfi, segnale della centralità del nostro paese nelle strategie future del Gruppo Fca e del nuovo amministratore delegato Mike Manley. Jeep ha stanziato oltre 200 milioni di euro per aggiornare la fabbrica di Melfi dove la Renegade ibrida sarà costruita insieme a quelle con motori benzina e diesel alla Fiat 500X. Ovviamente ci sarà anche una Fiat 500X in versione Phev (veicolo ibrido elettrico plug-in).

Jeep aveva già annunciato lo scorso giugno di voler rinunciare entro il 2022 ai motori diesel in Europa dove le limitazioni sempre più stringenti stanno penalizzando questo tipo di alimentazione.

Le oltre 742.000 Renegade prodotte in Italia dal lancio ad oggi fanno dello stabilimento di Melfi il posto ideale e della Renegade il prodotto perfetto per il lancio della versione Phev che rafforzerà ulteriormente l’offerta di questo veicolo che ha già riscosso un grandissimo successo’‘, ha dichiarato Pietro Gorlier, Chief Operating Officer EMEA Region di Fca.

Il lancio sul mercato della nuova Jeep Renegade Phev è previsto nella prima parte del 2020.

MOTORI Jeep Renegade, addio al diesel: a Melfi la produzione della versione i...