I comportamenti pericolosi più diffusi alla guida. Foto-classifica

Gli italiani scrivono, telefonano al cellulare, leggono e mangiano con le mani sul volante

Anche se le automobili moderne sembrano sempre più sicure e ricche di aiuti tecnologici, mettersi alla guida di un’auto è comunque un’operazione pericolosa, e richiede capacità di guida e attenzione costante. Un’indagine a campione ha permesso di stilare una particolare top ten dei pericoli di distrazione al volante, almeno tra gli automobilisti italiani.

Al primo posto troviamo l’abitudine di scrivere su cellulari e smartphone: se il 39,5% del campione attende il semaforo rosso per utilizzarlo per messaggi di vario tipo, il 24,5% lo usa durante la guida, e solo il 27,2% aspetta di essere comunque fermo, con il 5,6% che arriva a navigare su internet in marcia. Al secondo e al terzo posto si trovano disattenzioni importanti: non curarsi dei limiti di velocità quando c’è visibilità scarsa, e delle precedenze negli incroci quando la visibilità è ridotta.

Questo significa che è diffusa l’abitudine di non aumentare la soglia di attenzione nei casi in cui la visibilità è inferiore rispetto al normale, e questo può essere un pericolo per sé e per gli altri. C’è poi l’abitudine di leggere giornali o documenti mentre si guida, e a seguire un’abitudine femminile: truccarsi al volante. In Italia lo fa più di una donna su 10, e il 2% del campione si trucca anche con l’auto in movimento, anche se c’è un 85% di intervistate che rinuncia a farlo per paura delle conseguenze, o perché, semplicemente, non è capace a farlo per scarsa manualità.

Seguono poi, al sesto e al settimo posto, impostare il navigatore in marcia, operazione sconsigliata da qualsiasi apparecchiatura, ma che viene comunque fatta per risparmiare tempo durante il percorso, oppure il cambiare stazione radio, quest’ultima operazione semplificata nei modelli con comandi al volante, ma che ha comunque un certo rischio se ci si concentra troppo sull’operazione.

All’ottavo posto c’è l’abitudine di mangiare (e bere) al volante, mentre la nona posizione riguarda le conversazioni animate, anche girando la testa. Ultima abitudine che potrebbe portare a distrazioni è ancora una volta legata al telefono cellulare: si tratta della classica telefonata, che può essere effettuata con vivavoce e auricolari, ma che in molti casi si fa con il cellulare in una mano… che ovviamente non può essere utilizzata né per il volante, né per il cambio, né per gli altri controlli di guida.

(a cura di OmniAuto.it)
 

Fonte: Ufficio Stampa

MOTORI I comportamenti pericolosi più diffusi alla guida. Foto-classifi...