Futura, la Batmobile d’epoca da 4 milioni di dollari. Nuove foto

Da una futuribile auto tutta pinne degli anni '50 è derivata l'auto di Batman e Robin degli anni '60, oggi esemplare unico dal valore elevatissimo

Quando si parla di elaborazioni di vetture famose e stravaganti negli Stati Uniti, non si può fare a meno di citare George Barris. Nato a Chicago, classe 1925, creò la Barris Kustom, che divenne molto popolare grazie all’utilizzo di molte sue "creature" in numerosi film, e per la realizzazione di esemplari unici per molti divi negli anni d’oro di Hollywood.

Una delle sue auto più famose è sicuramente l’auto di Batman, la cui storia è tanto curiosa quanto lo sono le bizzarre vetture da lui immaginate ed elaborate. Una passione che andava anche al di là del puro "mestiere": affascinato dal design futuristico degli anni ’50, ispirato agli aerei e ai voli spaziali, Barris aveva acquistato nei primi anni ’60 una curiosa concept car, la Lincoln Futura del 1955. Si trattava di un’auto tutta pinne e con due cupole sopra i rispettivi passeggeri, il cui design richiamava dichiaratamente "uno squalo e una manta"; un’auto dalle grandi dimensioni (è lunga più di 5,70 metri!) e fortemente americana, ma costruita in Italia, alla Ghia di Torino.

Dopo la presentazione nei Saloni, Ford aveva già utilizzato quest’auto nel 1959 per un film, It Started With A Kiss con Debbie Reynolds e Glenn Ford; tuttavia, la fantasia di Barris, andò oltre: a seguito del sempre maggior coinvolgimento della sua industria nella produzione televisiva, si rese conto che questa futuribile auto poteva facilmente essere trasformata nel veicolo di un eroe dei fumetti da poco arrivato in TV, Batman. I tempi per la realizzazione erano strettissimi, ma la vettura di partenza, già avveniristica e dotata delle necessarie ali e pinne, si prestava bene per la trasformazione, che avvenne in sole tre settimane, nell’ottobre del 1965.

Fu lo stesso George Barris, con suggerimenti di Eddie Graves della 20th Century Fox, a disegnare le modifiche, che comprendevano sia aggiustamenti stilistici alla carrozzeria, sia la ridefinizione delle "cupole" e dell’abitacolo per ospitare Batman e Robin, sia la particolare colorazione nera "Velvet Bat-Fuzz Black" con finiture color Ciliegia fluorescente, sia soprattutto l’inserimento di falsi accessori di scena, previsti da contratto, dal Bat-Light Flasher al telefono mobile tra i sedili, fino ad un computer "ricevente e trasmittente" nel bagagliaio.

Che fine ha fatto l’auto di Batman? L’ultimo episodio della serie fu girato nel marzo del 1968, e altre copie dell’auto furono costruite, ma la "Batmobile I" rimase nelle mani di Barris Kustom fino alla vendita all’asta lo scorso gennaio, per una cifra record degna dell’auto di un supereroe: 4.620.000 dollari.

(a cura di OmniAuto.it)

Fonte: Ufficio Stampa

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Futura, la Batmobile d’epoca da 4 milioni di dollari. Nuove&nbsp...