Finte polizze Rca e quotazioni dell’usato gratis? Attenti a internet

Nel mirino dell'Antitrust ci sono siti che si si fingono intermediari assicurativi o si fan pagare per le quotazioni dell'usato dopo aver promesso di farlo gratis

L’automobilista internauta è sotto attacco. Alla fine, fra siti Internet fasulli e portali trabocchetto, non sono poi così tanti i siti su auto e moto di cui ci si può fidare.

Prova ne sia un’istruttoria messa in piedi dall’Antitrust (significa che i siti in oggetto non sono ancora stati condannati e si attende il verdetto definitivo) su un paio di siti che avrebbero promesso di quotare gratis le auto usate, per poi invece far pagare il servizio.

Nel mirino del Garante della concorrenza ci sono infatti soggetti che gestivano i siti http://www.auto-prezzo.net e http://www.auto-valutazione.com per pratica commerciale scorretta. La decisione è stata adottata alla luce di oltre 1.500 segnalazioni arrivate da singoli consumatori e da associazioni dei consumatori che hanno ritenuto di essere stati ingannati dalle informazioni sul servizio offerto: secondo i segnalanti, la possibilità di ottenere la quotazione dell’auto usata inserendo tutti i dati richiesti appariva gratuita.

In realtà, dopo 24 ore, ricevevano una fattura di 60 euro circa, da corrispondere a favore della società "Pascutti Invest & Factoring Spa Inc.". Volevi fare causa? C’era l’indicazione di una società inesistente con sede in Tallinn (Estonia) come soggetto a cui rivolgersi per eventuali reclami.

In attesa che si arrivi alla verità su quei siti (occorre la massima cautela quando vi chiedono di accettare una qualsivoglia proposta), di certo c’è che l’Ivass (l’Istituto che vigila sulle Assicurazioni) ha segnalato la commercializzazione di polizze Rc auto, anche aventi durata temporanea (5 giorni), tramite i siti http://www.autotranzit.it e http://www.tranzitior.com.

Il motivo? Non consentono l’identificazione dell’intermediario né l’accertamento della relativa iscrizione nel Registro degli intermediari assicurativi. Ossia, tu ti avvali di quei due siti, stipuli la Rca e ti ritrovi senza copertura assicurativa.

Alla fine, se causi un incidente, devi sborsare di tasca tua il risarcimento. E in caso di feriti o morti, sono dolori veri: ci si rovina l’esistenza dovendo effettuare rimborsi per milioni di euro. Se avete dubbi sull’esistenza di un intermediario o di una Compagnia, rivolgetevi all’Ivass.

(a cura di OmniAuto.it)

Fonte: Ufficio Stampa

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Finte polizze Rca e quotazioni dell’usato gratis? Attenti a inte...