Ferrari, le tre fasi del piano di ripartenza post Coronavirus

La Casa del Cavallino Rampante si prepara a ripartire con un piano ben definito e organizzato

Abbiamo visto chiudere praticamente la maggior parte degli stabilimenti di qualsiasi settore, compreso quello automobilistico, che non rientra nella produzione e nella distribuzione di beni di prima necessità, a causa delle misure di contenimento dell’epidemia di Coronavirus.

Tra queste anche Ferrari, che oggi presenta il suo piano di ripartenza dopo l’emergenza sanitaria Covid-19, il progetto si chiama “Back on Track” ovvero “Torna in Pista” e prevede esattamente tre differenti fasi. La prima riguarda la riapertura delle sedi di Modena e di Maranello, le tempistiche saranno poi definite in base a quello che decideranno le autorità nazionali. La seconda fase invece prevede uno screening dei collaboratori di Ferrari, su base volontaria, con esami del sangue. E infine ogni collaboratore potrà usare un’app con tracciamento dei contatti, per usufruire di un supporto medico-sanitario nel monitoraggio dei sintomi del virus.

Ferrari collabora con un pool di virologi ed esperti nell’ideazione di questo piano, che è stato patrocinato dalla Regione Emilia-Romagna. La nota della Casa di Maranello spiega: “Il piano ha come obiettivo la sicurezza dell’ambiente di lavoro al riavvio della attività produttiva. La prima fase è quella della riapertura delle sedi, subordinata a tempi e modalità che saranno definite dall’autorità nazionale, che comunque prevede la piena attuazione del protocollo condiviso di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione di Covid-19 negli ambienti di lavoro del 14 marzo 2020, ulteriormente ‘personalizzato’ sugli ambienti di lavoro Ferrari”.

Come abbiamo già detto, durante la seconda fase i collaboratori verranno sottoposti (su base volontaria) ad esami del sangue che servono per verificare un eventuale contagio di Coronavirus. La terza fase permette a tutti di avere un aiuto in caso di eventuali sintomi tramite un’app che funzionerà con il tracciamento dei contatti degli utenti, nel rispetto della privacy, grazie a una gestione della piattaforma estranea a Ferrari.

Cosa permette di fare questo sistema? In caso di positività al Coronavirus di un utente, i suoi contatti possono essere ricostruiti tramite l’app. Ferrari ci tiene a sottolineare che: “Il progetto potrà essere uniformato secondo gli eventuali standard che saranno definiti dalle autorità competenti”. La Casa darà la disponibilità anche di un servizio di assistenza sanitaria e psicologica, telefonica e domiciliare. Le persone che risulteranno positive al Covid-19 beneficeranno di una copertura assicurativa specifica e di un alloggio per l’autoisolamento, con assistenza a domicilio.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Ferrari, le tre fasi del piano di ripartenza post Coronavirus