Ferrari, la supercar elettrica è rimandata al 2025

Si allungano i tempi di attesa per veder nascere la prima rossa completamente a emissioni zero

La Ferrari elettrica si farà, ma non in tempi brevi. La Casa di Maranello, da sempre poco incline all’elettrificazione, non esclude la possibilità di produrre una supercar a emissioni zero: una grande novità che però potrebbe diventare realtà non prima del 2025.

Ad annunciarlo è stato Louis Camilleri, l’amministratore delegato del Cavallino rampante. Il CEO, oltre a rimandare a livello temporale l’eventuale progetto, ha comunque ribadito le perplessità della Rossa sull’elettrificazione: “Restano ancora dei problemi significativi dal punto di vista dell’autonomia, della velocità e della ricarica – ha affermato Camilleri – nonostante ciò, eventualmente svilupperemo un’auto elettrica, ma non nel breve termine, non prima del 2025, perché la tecnologia delle batterie richiede al momento ancora ulteriore sviluppo in termini di velocità di ricarica”.

Stando alle dichiarazioni di Camilleri, dunque, nel prossimo futuro ci sarà la nascita della prima Ferrari con motore elettrico. La Casa di Maranello diventerà una delle ultime aziende produttrici di automobili ad affacciarsi sulla nuova alimentazione, in un momento in cui gli altri marchi stanno puntando forte sull’elettrico e contano di raggiungere il 25-50% delle vendite totali con i soli modelli EV.

La realizzazione di una Rossa completamente elettrica slitta ulteriormente. A Maranello, in tempi non sospetti, avevano già dichiarato che non se ne sarebbe parlato prima del 2020, quando sarà portato a termine l’attuale piano industriale. La possibile data fissata dagli analisti era stata quella del 2023, ma adesso bisognerà attendere più tempo prima di poter mettere gli occhi su una Ferrari a emissioni zero. Il modello elettrico, secondo i piani della Rossa, dovrebbe essere una Gran Turismo.

In attesa dell’elettrificazione, Ferrari continua a lavorare sull’ibrido. Pochi mesi fa, all’inizio del 2019, è stata rivelata la prima ibrida plug-in nella storia della Rossa: la Ferrari SF90 Stradale PHEV, un bolide da mille cavalli capace di scattare da zero a cento chilometri orari in 2,5 secondi netti. Gli ingegneri di Ferrari, inoltre, continuano ad analizzare nuove tipologie propulsive per capire quali possano essere le più efficaci per i modelli del futuro.

In attesa di scoprire le novità dei prossimi anni, Ferrari si prepara a chiudere un 2019 da record: anche nel terzo trimestre le consegne sono aumentate del 9,4% e gli utili dell’11,5%, con una previsione di ricavi netti da 3,5 a 3,7 miliardi.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Ferrari, la supercar elettrica è rimandata al 2025