Dacia: storia e curiosità sulla casa rumena

Non tutti conoscono il marchio rumeno Dacia. Scopriamo qualche cosa in più su questa casa automobilistica

La prima azienda automobilistica rumena per eccellenza è senza ombra di dubbio la Dacia, marchio che negli ultimi anni si è diffuso in larga scala in tutta Europa, anche grazie alla vendita di SUV a prezzi davvero bassi rispetto agli altri competitors di categoria. La crisi economica attuale e la possibilità di possedere un SUV a prezzi vantaggiosi, hanno reso molto famosa questa società. Ma scopriamo qualche informazione in più su questo marchio.

La nascita dell’azienda risale al 1966, nata come fabbrica di Stato ma che successivamente si trasformò in un’azienda produttrice di vetture su licenza. La prima vettura prodotta in Romania con marchio Dacia, sotto licenza Renault, fu la Dacia 1100, derivata dalla Renault 8. Era il 1968 e si trattava di una berlina a motore e trazione posteriore. Il primo esemplare venne donato all’allora Presidente della Repubblica Nicolae Ceaușescu. Durante la sua storia, Dacia ha prodotto anche vetture per la Polizia rumena e per le competizioni Rally.

Fino al 1995, secondo gli accordi presi nel 1968, la produzione prevedeva che la Renault fornisse tutta la componentistica della vettura, mentre l’assemblaggio avveniva totalmente in Romania. Nel 1995 invece, Dacia lanciò il primo modello nella sua storia interamente romeno, la Dacia Nova. Nel 1999 Renault acquistò il 51% dell’azienda, essendo interessata a trovare una propria espansione nei mercati dell’est europeo che, all’epoca, era in piena espansione. Tra i mezzi più famosi e venduti del marchio troviamo la Solenza, la Logan, la Sandero e la Duster.

Dacia attualmente esporta in Europa, in Africa e Asia. In Europa occidentale i modelli Logan, Sandero, Duster, Lodgy e Dokker sono commercializzati tramite la rete Renault pur mantenendo il marchio romeno. Secondo recenti dati di mercato, l’azienda detiene circa un terzo del mercato automobilistico del suo Paese, con un fatturato pari a circa 14 miliardi di dollari, con un utile netto di più di 3 miliardi di dollari. I dipendenti Dacia ammontano a più di 15000.

Il nome Dacia deriva dall’antica regione esistente tra il IV secolo a.C. e il 106 d.C., situata in un’area dell’Europa centrale grossomodo tra le odierne Romania e Moldavia.

In Italia il marchio Dacia è presente anche come sponsor ufficiale dell’ Udinese Calcio, con relativo marchio sulle maglie bianconere del club friulano.

Dacia: guarda il listino prezzi

Guarda la storia e le curiosità di tutte le schede auto consultando questo elenco alfabetico:

AbarthAlfa Romeo, Alpine, Aston Martin, Audi, Bentley, BMW, Cadillac, Chevrolet, Chrysler, Citroën, Daihatsu, Dodge, DR, DS, Ferrari, Fiat, Fisker, Ford, Gonow, Great Wall, Honda, Hummer, Hyundai, Infiniti, Isuzu, Jaguar, Jeep, Kia, Lada, Lamborghini, Lancia, Land Rover, Landwind, Lexus, Lotus, Mahindra, Martin Motors, Maserati, Maybach, MazdaMcLaren, Mercedes, MG, Mini, Mitsubishi, Morgan, Nissan, Opel, Pagani, Peugeot, Porsche, Qoros, Renault, Rolls-Royce, Seat, Skoda, Smart, Ssangyong, Subaru, Suzuki, Tata, Tesla, Toyota, Volkswagen, Volvo.

Immagini: Depositphotos

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Dacia: storia e curiosità sulla casa rumena