Ciò che non sai sul furgoncino Volkswagen simbolo di Woodstock

Ecco alcune curiosità sul simbolo di una generazione, che ancora oggi ottiene grandi consensi

Woodstock e non solo, il furgoncino Volkswagen ha davvero fatto la storia. Ecco alcune curiosità che non tutti conoscono.

Uno dei veicoli iconici della storia recente è senza dubbio il furgoncino Volkswagen, la cui fama ha attraversato i decenni. Il T1 e il T2 sono divenuti iconici e, attraverso il sempre vivo mercato dell’usato, negli ultimi anni è possibile rivederli in circolazione, soprattutto nei periodi estivi, in cui ampie famiglie o gruppi di amici decidono di mettersi in strada alla ricerca di relax e avventure.

Nonostante la grande notorietà, ci sono dettagli che in pochi conoscono o ricordano di questo classico Volkswagen. Sono tanti i Vip in possesso di uno di questi iconici furgoncini, come lo chef Jamie Oliver, il noto pilota Jenson Button, il conduttore Richard Hammond e i musicisti Roger Daltry, Pete Townshend e Robbie Williams.

Il grande successo portò la Volkswagen a produrre un numero incredibile di modelli. Basti pensare che nel solo anno in cui il T2 ‘venne alla luce’, ben 9.541 modelli vennero messi sul mercato. Numeri tali da scatenare la fantasia. Cosa accrebbe se tutti i modelli mai costruiti venissero messi in fila indiana, uno dopo l’altro? Questi riuscirebbero a espandersi in tutto il mondo.

Il costo iniziale dei furgoncini VW andava dai 1250 a 1900 dollari. Al giorno d’oggi invece gli stessi modelli verrebbero messi sul mercato a cifre ben più alte, da 44mila a 58mila dollari.

Circa il 20% dell’intera produzione è di colore blu chiaro, il più popolare della gamma Volkswagen. La massima velocità originale inoltre era di appena 104 km/h. I tempi sono di certo cambiati e, guardando al T6 California, discendente dei primi due modelli originali, la velocità è quasi raddoppiata, con un massimo di 193 km/h.

Come detto, la fama dei modelli T1 e T2 ha superato la prova del tempo. La serie televisiva Lost li ha utilizzati come mezzi adoperati dal ‘Dharma Initiative’, un gruppo atto a trasportare rifornimenti e persone sull’ormai celebre isola. Nel 2011 invece la Lego ha dedicato uno splendido set al T2 per i nostalgici, con tanto di schermo anteriore diviso e arredamenti in stile rock & roll.

La produzione del Type 2 è proseguita molto a lungo, interrompendosi ufficialmente soltanto il 31 dicembre del 2013, in Brasile. Una lunga vita insomma, considerando la messa in vendita ufficiale avvenuta nel marzo del 1950. Oltre a essere un simbolo, il furgoncino VW è ancora oggi molto utile. Ha infatti spazio a sufficienza per raccogliere ben 50 persone. È stato dimostrato nel 2015, con il record mondiale stabilito a Malvern, nel Regno Unito.

Volkswagen T1

 

MOTORI Ciò che non sai sul furgoncino Volkswagen simbolo di Woodstock