La crisi non colpisce le auto di lusso

Tra i brand automobilistici che non subiscono la crisi ci sono quelli di lusso, come Lamborghini e Rolls Royce, che hanno registrato ottimi numeri nel 2022

Il 2022 è stato un anno ancora difficile per il settore automobilistico, dopo anni di pandemia e di lockdown, con conseguenti problemi di approvvigionamento di materie prime e microchip e rallentamenti alla produzione e alla vendita; si sono aggiunti anche il caro bollette e il caro benzina, che hanno chiaramente diminuito il potere d’acquisto degli italiani.

Anche l’anno appena terminato quindi si è chiuso con un bilancio negativo, purtroppo. Ci sono però dei brand che hanno comunque ottenuto buoni numeri, parliamo per esempio di quelli del Gruppo Stellantis, leader nel settore dei veicoli a basse emissioni, ma prima di tutto dei marchi di lusso, come Lamborghini e Rolls Royce, che non conoscono la crisi.

Un 2022 splendido per Lamborghini

Un anno molto importante per Lamborghini, che ha ricevuto riconoscimenti importanti e che continua a crescere, non solo per quanto riguarda le immatricolazioni di nuove vetture, ma anche grazie alle certificazioni ottenute, che dimostrano l’attenzione che il marchio pone su differenti settori in cui lavora, come la sostenibilità, ma anche le risorse umane.

Per quanto riguarda le immatricolazioni, i numeri continuano a superare record: il 2022 ha collezionato i migliori dati di sempre. Le auto vendute da Lamborghini in tutto il mondo sono state 9.233, in aumento del 10% rispetto al 2021. Nel 2023 la Casa di Sant’Agata Bolognese ha intenzione di lanciare le sue prime supercar ibride e di avviare altri importanti progetti, che sicuramente faranno registrare ottimi risultati.

Ogni record di vendita è stato battuto, in quasi tutti i mercati principali. Il primo Paese in assoluto per le vendite di Lamborghini sono gli Stati Uniti, con 2.721 auto consegnate e un aumento del 10% rispetto all’anno prima. L’auto più venduta dal brand? È ancora lei: Lamborghini Urus, il SUV ultra potente.

Le vendite di Rolls Royce

Anche per Rolls Royce non c’è stata crisi nel 2022, il brand ha infatti chiuso l’anno con ottimi numeri, vendendo in tutto 6.021 unità. Un vero e proprio record di immatricolazioni per la Casa, il 2022 è stato un anno storico per i numeri di Rolls Royce.

Il brand britannico di lusso del Gruppo BMW ha registrato il più alto numero di vendite dalla sua fondazione, con una crescita dell’8% rispetto all’anno precedente. In ben 118 anni di storia, Rolls Royce non aveva mai venduto così tante auto.

Un contributo molto importante lo ha dato senza dubbio il CEO Torsten Müller-Ötvös, che ha messo in atto una nuova strategia per la Casa, puntando su alcuni pilastri per lui ritenuti fondamentali: Bespoke, personalizzazione assoluta, ampliamento della gamma con proposte nuove tra cui Ghost, la serie Black Badge e il nuovo Cullinam.

Ed è proprio il SUV Cullinam il veicolo di maggiore successo della Casa, il più venduto in assoluto di tutta la gamma. Questo conferma che i SUV sono ancora i modelli più venduti e amati in assoluto oggi sul mercato automobilistico globale, e questo interessa anche i marchi di lusso come Rolls Royce. Lo abbiamo visto anche con Lamborghini, e pure con Ferrari, che ha già stoppato gli ordini per il primissimo SUV potente Purosangue, in arrivo nei prossimi mesi.