Coronavirus, Tesla non può riaprire: Elon Musk sposta gli stabilimenti

Il numero uno dell'azienda di Palo Alto minaccia di trasferire i siti di produzione in altri stati

Problemi per Tesla: l’azienda non può riaprire il suo unico sito di produzione di auto elettriche in California, perché le autorità locali hanno vietato di riprendere le attività produttive a causa del Coronavirus. Una situazione difficile per il marchio a stelle e strisce, fermo da tempo per via della pandemia.

Il numero uno della Casa di Palo Alto, Elon Musk, si è scagliato contro la decisione della Contea, minacciando di trasferire sedi e progetti in Texas e Nevada. “Francamente questa è la goccia che fa traboccare il vaso – ha scritto Elon Musk su Twitter – Tesla trasferirà immediatamente i suoi progetti futuri in Texas e Nevada e se dovrà mantenere una attività a Fremont dipenderà dal modo in cui siamo trattati”.

Elon Musk ha poi annunciato l’intenzione di presentare immediatamente un’azione legale contro la Contea di Alameda, accusando un dirigente sanitario di “agire in modo contrario al Governatore della California, al Presidente degli Stati Uniti, alle libertà costituzionali e al comune buon senso”.

Dopo aver fermato le attività a causa del Coronavirus, nei giorni scorsi Tesla aveva annunciato di voler riaprire parzialmente la sua fabbrica a Fremont, impiegando il 30% della forza lavoro. Un dirigente sanitario della contea, però, ha deciso di vietarlo, in quanto l’area dello stabilimento è ancora sotto restrizioni e a suo parere, Tesla non rispetta i criteri necessari per il riavvio.

Il momento è delicato e Elon Musk spinge per ripartire. A supporto della sua tesi c’è l’esperienza vissuta in Cina da Tesla, dove la fabbrica dell’azienda statunitense ha riaperto dopo che la crisi di Covid-19 è stata riportato sotto controllo. Musk ritiene che l’azienda, grazie a quanto successo in Cina, sia in grado di far riprendere la produzione in completa sicurezza.

In attesa di capire se l’attività produttiva dello stabilimento in California potrà ripartire a breve oppure no, Tesla continua a stupire il pubblico. La Casa di Palo Alto si appresta a presentare un sistema che permette di partecipare a conference call e organizzare videochiamate direttamente in auto. Stando a quanto riferito dallo stesso Elon Musk, l’hardware per le funzionalità è già presente sui modelli di Tesla e va solamente aggiornato.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Coronavirus, Tesla non può riaprire: Elon Musk sposta gli stabiliment...