Connettività in auto, gli automobilisti non vogliono spendere molto

Una ricerca evidenzia che ogni automobilista non è disposto a spendere più di 400 euro per Infotainment in auto

La connettività in auto e il sistema di Infotainment oggi sono tra gli elementi più innovativi e importanti, in un mondo in cui ormai la tecnologia ha preso il sopravvento e viviamo costantemente supportati dalla navigazione in rete.

Secondo una ricerca condotta dalla società di consulenza Deloitte gli automobilisti nel mondo non sono disposti a spendere più di 400 euro per i sistemi innovativi che oggi vanno tanto di moda. In particolare, il test è stato condotto su 35.000 automobilisti circa provenienti da 20 differenti Paesi nel mondo, con riferimento alle dotazioni di tecnologia avanzata per le auto. Il 2020 Deloitte Global Automotive Consumer Study contiene la risposta della ricerca ed è appena stato presentato durante il CES di Las Vegas.

Il rifiuto più alto si è registrato per l’Infotainment, con differenze ovviamente tra Paese e Paese, ma in media sette automobilisti su dieci non vorrebbero spenderci troppo denaro. Sei persone su dieci non spenderebbero mai 400 euro invece per la connettività e anche tutti i sistemi innovativi e di ultima generazione per la sicurezza in auto, secondo gli automobilisti, non valgono più di 400 euro, idem per l’autonomia di guida.

I consumatori che pensano che una maggiore connettività porti dei grandi vantaggi in auto sono in Germania il 36%, contro il 76% della Cina e l’80% dell’India. Per quanto riguarda invece la nuova tecnologia che permette ad una vettura di comunicare con le altre e anche con le infrastrutture, il 46% degli utenti in Germania non pagherebbe nulla, il 38% è disposto a sborsare poco. In Cina e in India sono più o meno sugli stessi livelli quelli che pagherebbero poco (al 35% e al 41%), ma la maggior parte dei rispondenti pagherebbe più di qualcosa.

In generale quindi possiamo dire che in Occidente c’è una evidente freddezza nei confronti delle nuove tecnologie. Probabilmente gli utenti sanno di avere già tutto quel che serve sul proprio smartphone. Un altro dato importante sottolinea che sono molti ad esempio gli utenti che trovano più facile usare il navigatore di Google rispetto a quello dell’auto. Per questo in pochi sono disposti a pagare di più per avere quello che hanno già. Un altro dato importante dello studio Deloitte riguarda la mobilità, per gli automobilisti di tutto il mondo, per ridurre il traffico, il modo più efficace sarebbe aumentare l’uso del trasporto di massa.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Connettività in auto, gli automobilisti non vogliono spendere molto