Citroen C4 2021: i nuovi motori abbattono le emissioni

La Casa francese punta ancora forte sulle motorizzazioni diesel per limitare le emissioni di CO2

Il Gruppo PSA continua a lavorare per ridurre concretamente le emissioni di CO2 dei modelli della sua gamma, offrendo agli automobilisti la possibilità di scegliere sempre la motorizzazione pulita più adatta a ogni tipo di esigenza. Una strategia che verrà seguita anche da Stellantis, il nuovo conglomerato nato dall’unione con FCA.

Il simbolo dei modelli capaci di abbattere le emissioni è la Citroen C4 del 2021. L’auto, di cui si conoscono già diversi particolari grazie al reveal presentato nel mese di luglio, sarà dotata di una gamma di motori molto ampia che spazierà dal full electric ai PureTech benzina 1.2 da 100 e 150 cavalli, passando per i propulsori turbodiesel BlueHDI 1.5 da 110 e 130 cavalli. PSA conferma l’importanza delle varianti a gasolio nei programmi della nuova Citroen C4. Per il mercato in Gran Bretagna, il marchio francese stima che la versione elettrica e-C4 rappresenterà il 10% delle vendite, mentre la variante diesel dovrebbe collocarsi attorno al 17%.

Robert Clark, l’head of product marketing di Citroen UK, ha sottolineato il ruolo fondamentale che le varianti a gasolio della C4 avranno nel mercato britannico ed europeo: “Abbiamo notato un lieve cambiamento a favore del diesel all’inizio del 2020 – ha spiegato in un’intervista rilasciata al magazine Autocar – ci siamo impegnati a spiegare ai nostri concessionari quali sono i vantaggi del diesel per i clienti. Le emissioni di CO2 sono molto più basse rispetto ai modelli a benzina e ridurle è diventato un obiettivo primario per l’industria, a causa delle multe imposte ai produttori.

In Inghilterra la domanda di propulsori diesel è stata ancora più evidente nelle vendite del SUV C5 Aircross, con il 70% dei clienti che hanno scelto questo tipo di motorizzazione. Grazie al grande ritorno del gasolio, Citroen è riuscita ad abbassare la media di emissioni di CO2 della sua flotta a 95 g/km, raggiungendo così il nuovo obiettivo imposto dai limiti indicati dall’Unione Europea.

Anche in Italia il gasolio sta rimontando: in testa alle classifiche di vendite di auto usate ci sono i modelli diesel, mentre sia nel nostro paese che in tutta Europa, per l’acquisto di auto nuove i clienti continuano a prediligere leggermente i modelli elettrici 100% oppure ibridi-plugin.

La Citroen C4 2021 sarà dotata di motori diesel in grado di offrire livelli generali di emissioni molto contenuti e in linea con le norme future, includendo le unità Blue HDI 110 abbinate a un cambio manuale a 6 marce e BlueHDI 130 con trasmissione automatica a 8 rapporti. Le versioni con i propulsori più grandi, invece, verranno gradualmente eliminate dal mercato.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Citroen C4 2021: i nuovi motori abbattono le emissioni