Cartelli stradali invernali: ecco quelli da ricordare. Foto-guida

I segnali più importanti da conoscere d'inverno per stare alla larga dalle multe e dagli incidenti

Lo conoscerete tutti il segnale classico della ruota catenata su fondo blu. Significa che, dal punto dov’è installato, è obbligatorio avere pneumatici invernali o, in alternativa, catene da neve montati.

Forse non tutti sanno che la sanzione per chi non rispetta il segnale nei centri urbani è di 39 euro (articolo 7 del Codice della strada), che schizzano a 80 fuori città (articolo 6).

E non può proseguire la marcia senza pneumatici invernali o catene da neve. Se l’automobilista si ostina a circolare “fuori legge”, altri 80 euro più il taglio di tre punti della patente (articolo 192 del Codice della strada).
 
Dal 2010, in base all’articolo 6, gli enti gestori della strada possono imporre l’obbligo di circolare solo con pneumatici invernali o catene da neve a bordo.

È di volta in volta la Provincia, la Regione o il sindaco per le strade comunali a imporre, tramite la stessa ordinanza che introduce quell’obbligo, una multa: un’ottantina di euro.

Occhio al segnale di vento laterale: si trova su ponti e viadotti e all’uscita delle gallerie; bisogna moderare la velocità, tenere bene lo sterzo e fare attenzione a possibili sbandamenti dei veicoli provenienti dal senso opposto.

In caso di strada scivolosa, moderare la velocità e procedere con andatura quanto più possibile uniforme, evitando le brusche manovre (come ad esempio: le brusche sterzate, accelerate, frenate); innestare la doppia trazione se il veicolo ne è provvisto (in genere i fuoristrada e i veicoli 4×4).

E fare uso maggiormente di marce intermedie o basse, sfruttando il freno motore. Distanziarsi maggiormente da altri veicoli o da ostacoli, muretti, ecc.; aumentare di circa 3 o 4 volte la distanza di sicurezza.

(a cura di OmniAuto.it)

Fonte: Ufficio Stampa

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Cartelli stradali invernali: ecco quelli da ricordare. Foto-guida