C5 Aircross, il primo plug-in ibrido di Citroen

Una nuova soluzione adatta a tutti gli utilizzi e un'esperienza di mobilità estesa grazie al nuovo SUV ibrido di Citroen

Il Nuovo SUV C5 Aircross Hybrid propone una soluzione di mobilità adatta a tutti gli utilizzi, sia per i trasferimenti quotidiani che per i lungi viaggi. Offre un’esperienza di mobilità estesa, inoltre il piacere della guida in modalità elettrica che permette di accedere alle ZTL si unisce alla libertà di guidare in modalità termica quando lo si desidera e ne ha necessità.

Citroën vuole proporre un’offerta elettrificata sul 100% della gamma entro il 2025. Il 2020 è l’anno del passaggio a una gamma più estesa, che si arricchirà di offerte elettriche e ibride plug-in, in aggiunta ai motori termici. A partire da Nuovo SUV C5 Aircross Hybrid, tutti i nuovi modelli del brand disporranno di un’offerta elettrificata. Questo dimostra quanto Citroën si stia impegnando nei confronti di una transizione energetica responsabile.

Per poter diffondere veicoli elettrici, sono importanti alcuni fattori come l’autonomia adeguata dei veicoli, in grado di garantire gli spostamenti medi giornalieri, i vantaggi che si possono trarre da questa tipologia di motorizzazione, come gli incentivi statali e l’accesso ai centri urbani, e naturalmente la presenza diffusa delle infrastrutture di ricarica. Per rendere la mobilità elettrica accessibile e vantaggiosa per tutti, è stata siglata una partnership tra Groupe PSA Italia ed Enel X, grazie alla quale chi sceglie un veicolo elettrico o ibrido plug-in potrà usufruire di soluzioni di ricarica personalizzate in base alle proprie esigenze.

citroen c5 aircross hybrid plug-in

Fonte: Ufficio Stampa Citroen

Il Nuovo SUV C5 Aircross Hybrid, in modalità ZEV, offre un’esperienza di guida silenziosa e a zero emissioni, con un’autonomia elettrica di 50 km, adatta alla maggior parte dei tragitti quotidiani dei clienti, fino a 135 km/h. Grazie alla sua tecnologia Hybrid plug-in, il nuovo SUV Citroën C5 Aircross Hybrid garantisce 32 g/km di emissioni di CO2 e per questo si posiziona nel gruppo (classificazione definita dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti) con il limite di emissioni fissato a 60 g/km di CO2, che offre la possibilità di beneficiare di interessanti incentivi statali, pari a 1.500 euro oppure 2.500 euro in caso di rottamazione.

C5 Aircross gode anche di un’ottimizzazione dei tempi di ricarica, con una presa domestica standard, la batteria si ricarica in una notte, tra le 4 e le 7 ore in tutto. Con una Wall Box da 32 A, acquistata o a noleggio, e con il caricatore opzionale da 7,4 kW, la ricarica della batteria è accelerata e richiede meno di 2 ore. La ricarica è semplificata, e può essere programmata o differita. Si può impostare tramite il Touch Pad nell’abitacolo o con l’applicazione My Citroën. Grazie all’ergonomia dello sportellino e dei cavi di ricarica collocati sotto al pianale modulare del bagagliaio, l’operazione è molto semplice e accessibile. Lo sportellino di ricarica mostra due LED colorati che aiutano a seguire il processo di ricarica.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI C5 Aircross, il primo plug-in ibrido di Citroen