Bruno Senna al volante della McLaren dedicata a zio Ayrton

Il nipote di Ayrton Senna prova la nuova McLaren dedicata allo zio: veloce e aggressiva

Senna è un nome, che indica anche una leggenda, nel mondo dell’automobilismo e della Formula 1. Ayrton Senna de Silva, brasiliano, è ormai un simbolo: di bravura, di commozione, di nostalgia.

E’ a lui che la McLaren ha dedicato l’ultima hypercar ed ha scelto un personaggio d’eccezione per provarla e pilotarla. Bruno Senna, nipote di Ayrton Senna, è infatti salito alla guida dell’ultima hypercar di Woking, la McLaren Senna, che però deve dimostrarsi all’altezza del nome con cui l’hanno ribattezzata. Un nome che è quello di uno dei più grandi piloti di sempre e che ora è anche il nome di un’auto che non accetta compromessi: non è una McLaren qualsiasi, ma una Senna.

Bruno Senna si siede alla guida e dichiara: “aspettavo da tanto tempo una vettura stradale che si muovesse come un’auto da corsa. Ed eccola qua”. Una macchina per strada, agile e dinamica come un’auto da corsa. Possiede l’ultimo telaio McLaren MonoCell III, ed è del tutto realizzata in carbonio; il motore è costituito da componenti resi più leggeri possibili, con l’ultima evoluzione dell’assetto attivo della P1 e dischi carboceramici di fattura complessa. Per farne uno ci vogliono ben sette mesi: una vettura stradale di classe, ricercata, ben strutturata. 1198 kg a secco, impiega 2.8″ nello 0-100 km/h e 6.8″ nello 0-200 km/h. Arriva a quasi 800 kg di deportanza ed è suo anche il noto V8 biturbo di 4.0 litri che qui eroga 800 Cv a 7250 giri e 800 Nm fra 5500 e 6700 giri/micn. “E’ letteralmente la più veloce e brutale auto stradale che abbia mai guidato” ha continuato Bruno Senna, visibilmente emozionato.

Rob Melville è Design Director e ha descritto così l’auto: “il linguaggio stilistico della Senna è estremamente aggressivo e diverso da ogni altra McLaren. Questo perché nessun’altra McLaren stradale doveva assolvere al suo compito accettando così pochi compromessi. Quando la vedi per la prima volta, capisci immediatamente qual è il suo scopo: un livello di performance diverso perfino rispetto a quello della McLaren P1”. Un’auto che si distingue per aggressività e velocità, non solo tra le vetture stradali, ma anche tra quelle da corsa. Un’auto che rispecchia in pieno lo stile di Ayrton e che sembra meritare il nome che le hanno dato: “ti impegni ad un livello tale da non accettare compromessi. Dai tutto ciò che hai. Tutto, assolutamente tutto”, diceva Ayrton. La McLaren gli ha dato ragione.

MOTORI Bruno Senna al volante della McLaren dedicata a zio Ayrton