Bolide, l’ultima hypercar di Bugatti: eccezionale rapporto peso/potenza

Bugatti propone una nuova supercar leggera attorno al suo iconico motore W16 da 8,0 litri

Con Bugatti Bolide, il produttore francese di auto di lusso sta ora realizzando la sua auto iper leggera dotata del suo iconico motore W16 da 8,0 litri che tutti conosciamo. Uno studio sperimentale, un’auto sportiva da pista caratterizzata da un motore W16 derivato dalla produzione di serie.

Bolide promette quindi di offrire il massimo delle prestazioni Bugatti. L’auto esprime il concetto di veicolo più estremo, intransigente, più veloce e leggero nella storia recente dell’azienda, con un incredibile rapporto peso/potenza di 0,67 kg, reso possibile dalla combinazione del motore W16 con 1.850 CV e un peso del veicolo di soli 1.240 chilogrammi. La Bugatti Bolide raggiunge cifre che sono quasi alla pari con la Formula 1, la sua velocità massima è ben superiore a 500 km/h, senza compromettere la massima maneggevolezza e la massima agilità.

Stephan Winkelmann, presidente di Bugatti, dichiara: “Ci siamo chiesti come rendere il potente motore W16 il simbolo tecnico del marchio nella sua forma più pura. Uno degli aspetti più importanti delle nostre considerazioni è stata la messa a punto del nostro iconico propulsore senza limitazioni per quanto riguarda il rapporto peso/potenza. Il tutto ha portato alla realizzazione della Bugatti Bolide. Un esperimento senza compromessi, una purosangue che, nella sua brutale esclusività, colpisce soprattutto per le alte prestazioni, il peso ridotto e un’esperienza di guida in una dimensione completamente nuova. Guidare Bolide è come cavalcare una palla di cannone”.

Il suo cuore è il motore da 8,0 litri W16 cilindri con 1.850 CV e 1.850 Nm di coppia. Bugatti, che da sempre produce auto estreme da record, ha progettato la trasmissione per l’uso in pista e ha ottimizzato il motore e il cambio per regimi più elevati. Per arrivare ad un peso a secco di 1.240 chilogrammi, Bugatti ha lavorato nello specifico su tutti i materiali e i processi produttivi utilizzati, sia in termini di ciò che è attualmente fattibile che di ciò che sarà possibile in futuro.

Tutte le viti e gli elementi di fissaggio di Bugatti Bolide sono realizzati in titanio. Vengono utilizzate anche altre componenti funzionali, cavi sottili costituiti da una lega di titanio aerospaziale. Questi sono realizzati con una stampante 3D e sono estremamente sottili (fino a 0,5 millimetri). Tuttavia, sono molto stabili con una resistenza alla trazione elevata. I componenti ibridi, come il tubo della trasmissione, sono di fibra di carbonio e titanio stampato in 3D. Le pinze dei freni in ceramica pesano 2.4 kg l’una, i cerchi di magnesio oscillano tra i 7 e gli 8 kg. Le ali anteriori e posteriori, in titanio, pesano rispettivamente 600 grammi e 325 grammi.

L’abitacolo rispetta i parametri imposti dalla FIA per le hypercar da pista, per questo la Casa ha dovuto abbandonare ogni sfizio che richiama al lusso e al comfort. Bugatti Bolide non è un’auto per le occasioni mondane. Sul piccolo display davanti al volante sono riportate le informazioni di guida. La console centrale ospita i comandi del cambio e il tasto d’accensione. Oggi si tratta solo di un prototipo, uno studio concettuale, non sappiamo se entrerà in produzione ma… mai dire mai.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Bolide, l’ultima hypercar di Bugatti: eccezionale rapporto peso/...