BMW Serie 5 restyling, l’auto tedesca di lusso ora consuma meno

Gli aggiornamenti estetici sono accompagnati da motori Euro 6 e da un nuovo diesel da più di 22 km/l

Dopo 4 anni, per la sesta generazione della BMW Serie 5 è giunto il momento di sottoporsi al restyling di metà carriera. Il tutto per riuscire a mantenere la posizione di modello più venduto al mondo nella categoria delle automobili cosiddette superiori. Secondo la casa costruttrice bavarese la Serie 5 è leader globale della categoria, con più di un milione di unità vendute, considerando tutte le varianti di carrozzeria della gamma, berlina, Touring (ovvero station wagon) e Gran Turismo, che ora si rinnovano nell’aspetto esterno, nelle dotazioni e anche nei motori.

Di serie la BMW Serie 5 restyling mostra i fari allo Xeno su tutti i modelli, mentre offre a pagamento le luci adattive a Led. Gli indicatori di direzione si trovano ora nelle calotte degli specchietti retrovisori, mentre i fari posteriori adottano luci più sottili e ridisegnate, al pari della griglia frontale, che si trova sopra prese d’aria più grandi. Per la verniciatura della carrozzeria si possono avere nuovi colori, oltre che cerchi in lega dal design inedito.

Nell’abitacolo la BMW Serie 5 restyling offre più spazio nel bagagliaio della variante di carrozzeria GT, la Gran Turismo, il cui portellone si apre integrando il lunotto: la capacità sale di 60 litri, arrivando a quota 500. Anche i vani portaoggetti e i porta lattine sono più ampi, mentre i rivestimenti interni sono più personalizzabili. Sulla Serie 5 berlina e Touring sono inoltre presenti modifiche di dettaglio come la finitura cromata dell’iDrive, selettore con cui si comanda il sistema d’infotainment.

A livello meccanico la BMW Serie 5 restyling si presenta con interventi che promettono consumi inferiori e maggiore pulizia nelle emissioni. Infatti, tutti i motori presenti a listino rientrano nella normativa antinquinamento Euro 6, con i turbodiesel dotati di serie la tecnologia BMW BluePerformance per il post trattamento degli ossidi di azoto NOx. In tutto i motori sono 4 a benzina e 6 diesel per la Serie 5 restyling berlina e Touring, 2 benzina e 3 diesel per la Serie 5 GT, in aggiunta al turbodiesel sportivo M550d. Ma la novità è la nuova versione d’accesso alimentata a gasolio, la 518d, disponibile sia sulla berlina che sulla station wagon. Si tratta di un quattro cilindri con TwinPower Turbo da 143 CV, con un consumo medio dichiarato di 4,5 l/100 km ed emissioni di 119 g/km di CO2. C’è poi la BMW 520d berlina che ha un coefficiente di penetrazione aerodinamica Cx di 0,25. La novità per le versioni a trazione integrale è la BMW 520d xDrive (sia berlina che Touring, con al top di gamma il nuovo motore V8 a benzina con tecnologia TwinPower Turbo da 450 CV.

La BMW Serie 5 restyling mette a disposizione il sistema di recupero di energia in frenata Brake Energy Regeneration, lo spegnimento del motore Auto Start-Stop anche in combinazione con il cambio automatico ad 8 rapporti. Ci sono poi gli aggiornamenti previsti per la tecnologia BMW EfficientDynamics, con indicatore di cambiata ottimale Eco Pro con possibilità di coasting, cioè di veleggiamento: in pratica in marcia è ora possibile scollegare il motore dalle ruote per non consumare carburante. Si chiama invece Proactive Driving Assistant il programma che imposta la velocità dell’auto in anticipo rispetto a un limite di velocità. Come optional, infine, il navigatore può avere la modalità Eco Pro Route, che permette di scegliere il percorso migliore per risparmiare carburante.

Nell’operazione restyling anche BMW ActiveHybrid 5 è stata coinvolta, visto che per questa versione ibrida è stata messa a punto una nuova gestione dell’energia. Anche sulla variante a due motori della Serie 5 è disponibile il sistema Proactive Driving Assistant, assieme a migliorie alle sospensioni e allo sterzo elettrico. Infine, la BMW Serie 5 Touring restyling e la BMW Serie Gran Turismo 5 restyling offrono di serie le sospensioni adattive pneumatiche con regolazione automatica dell’altezza al retrotreno, così come l’interruttore Driving Experience Control, mentre il programma Dynamic Damper Control, le sospensioni M Sport, l’Adaptive Drive e il sistema Integral Active Steering sono previsti nella lista degli optional a pagamento.

(a cura di OmniAuto.it)

Fonte: Ufficio Stampa

MOTORI BMW Serie 5 restyling, l’auto tedesca di lusso ora consuma ...