BMW, dopo sei anni, dice addio a due modelli

La i8, dopo aver conquistato il mercato, sparisce dalle linee di produzione di BMW

La Casa ha deciso di stoppare la produzione di due auto di grande successo, che tanti clienti in questi anni hanno deciso di acquistare. E quindi BMW ha confermato in via ufficiale l’addio alla i8, anche nella variante Roadster. Dal mese di aprile la vettura sparirà dalla linea di produzione.

I due modelli non verranno più realizzati, dopo quasi sei anni dal momento in cui sono stati lanciati sul mercato. Prima della realizzazione di queste due vetture, le due varianti furono anticipate attraverso un concetto molto sofisticato, che prese il nome di Vision Efficient Dynamics.

BMW i8 è l’auto esclusiva nata insieme alla i3 con due modelli, creati grazie al sapiente impiego della fibra di carbonio. Le auto portarono anche all’esecuzione di un esperimento per provare a realizzare questo materiale in modo da renderlo più resistente, e applicarlo successivamente alla gamma di modelli a combustione. La i8 all’epoca del lancio fu definita come una vettura “unica al mondo”. BMW nella sua creazione ha combinato un motore a combustione turbo da 1,5 litri da tre cilindri, con un motore elettrico aggiuntivo.

Questo ha permesso all’auto di sviluppare una potenza massima di 374 cavalli, la BMW i8 infatti è stata una delle prime auto sportive ad alte prestazioni ad avere un consumo molto basso. L’auto è speciale e per questo motivo ha già un posto riservato nel museo BMW nella città di Monaco, uno spazio grande e speciale dedicato a tutte le migliori auto realizzare in questi anni di storia del marchio bavarese.

Il lancio sul mercato della BMW i8 è avvenuto nel 2014, come abbiamo detto, esattamente sei anni fa. Da quel momento la vettura ha venduto in tutto 20.000 unità. Tutte le persone ancora interessate ad acquistate l’auto hanno tempo fino alla fine del mese di aprile 2020, per ottenere una delle 200 unità ancora disponibili dell’edizione speciale dell’i8 Ultimate Sophisto Edition.

Nel 2018 BMW i8 aveva introdotto la nuova versione a Detroit, il primo modello aperto. Le modifiche però erano state apportate anche alla versione tradizionale, e riguardavano anzitutto la meccanica, confermando il motore elettrico all’anteriore portato a 143 Cv che si sommano ai 231 dell’unità termica di 1,5 litri turbo al posteriore; in questo modo il sistema ibrido combinato, come abbiamo visto, ha infatti raggiunto i 374 Cv.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI BMW, dopo sei anni, dice addio a due modelli