Auto a idrogeno: la Casa tedesca abbandona il progetto

Mercedes prende questa decisione importante, dopo anni di lavoro e ricerche

La decisione presa dalla Casa della Stella a Tre Punte ci lascia di stucco, non ce lo aspettavamo, eppure Mercedes ha deciso di lasciar perdere con la tecnologia a idrogeno. Nonostante da anni stia lavorando a questo progetto per offrire auto speciali e a zero emissioni, oggi dice “Stop”.

L’obiettivo della Casa tedesca, dal momento in cui ha iniziato a fare ricerche e sperimentazioni sulla tecnologia a idrogeno, era quello di offrire sul mercato una gamma di auto ecosostenibili, in grado di rispettare l’ambiente senza emissioni e anche di rifornirsi in pochissimi minuti. Oggi però Mercedes molla il colpo e si arrende, le motivazioni che hanno spinto il marchio a prendere questa decisione drastica sono i costi di produzione troppo elevati, creare un’auto a idrogeno infatti necessita di una spesa pari praticamente al doppio di quella necessaria per un’auto elettrica.

Mettendo fine a questa sua esperienza nel settore delle tecnologie a idrogeno per le auto, Mercedes ha dovuto anche fermare la produzione della GLC F-Cell, auto appunto a idrogeno, realizzata in collaborazione con altri due brand, Nissan e Ford. Una vettura di cui sono state prodotte poche centinaia di unità, ma che non è mai stata lanciata sul mercato ed è stata usata soltanto per delle dimostrazioni al pubblico.

Recentemente ci sono state anche altre Case automobilistiche che hanno deciso di stoppare tutte le ricerche e i lavori inerenti le tecnologie a idrogeno, sempre per lo stesso motivo di costi elevati. Si tratta di Honda e Volkswagen, che come Mercedes quindi si sono arrese; al momento Toyota, Hyundai e Bmw sono le uniche che continuano a lavorare su questa tipologia di propulsori.

C’è anche chi continua a lavorare per offrire sul mercato veicoli pesanti dotati di questi motori ecologici e puliti, si tratta del Gruppo Volvo e di Daimler Truck che hanno stretto un accordo di collaborazione per creare una joint venture con l’obiettivo appunto di sviluppare, entro la seconda metà del decennio, sistemi a celle a combustibile da applicare sui veicoli pesanti. I due grandi brand pensano infatti che l’alimentazione a idrogeno sia la soluzione per creare veicoli a zero emissioni.

Chiaramente il passo successivo sarà fare in modo che questa tipologia di mezzi vengano adottati e utilizzati, per questo servirà un lavoro integrato tra istituzioni e aziende, per fare in modo di creare un’infrastruttura di rifornimento adeguata e anche sostenerne lo sviluppo tecnologico.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Auto a idrogeno: la Casa tedesca abbandona il progetto