Aston Martin, dopo la Formula 1 c’è un progetto ambizioso

Dalle corse alle one-off personalizzate: il marchio britannico punta a emulare la Ferrari

Continua la grande ascesa di Aston Martin, storico marchio inglese che sta vivendo un periodo di grande rilancio dopo aver attraversato qualche difficoltà negli ultimi anni. Il progetto è ambizioso e parte dal ritorno in Formula 1.

Il CEO di Aston Martin, Andy Palmer, ha un obiettivo chiaro in mente: trasformare l’azienda britannica nella Ferrari del Regno Unito. In suoi aiuto è arrivato il multimilionario canadese Lawrence Stroll che a gennaio 2020 ha acquistato il 16,7% delle quote di Aston Martin. Un’operazione che ha portato forze fresche all’interno della Casa automobilistica inglese, con un investimento di 206 milioni di euro.

Lawrence Stroll è diventato il nuovo direttore esecutivo di Aston Martin e il principale artefice del grande ritorno in Formula 1 che avverrà a partire dal campionato mondiale del 2021. I progetti di espansione di Aston Martin, però, non riguardano solamente il reparto Motorsport. La volontà è quella di crescere ulteriormente in tutti gli altri settori, portando il brand a diventare sempre più prestigioso.

“Per noi è arrivato il tempo ti fare bene e provare a diventare la Ferrari inglese – ha dichiarato il CEO Andy Palmer – lo faremo chiedendo ai singoli clienti come vogliono le loro auto e costruendole per loro. Con la nuova DBX stiamo già dimostrando dove vogliamo arrivare, costruendo auto solo per il mercato retail. Non a caso gli ordini per il 2020 sono già tutti al completo”.

Il CEO di Aston Martin Andy Palmer è un grande appassionato di Ferrari e vuole prendere ispirazione proprio dal Cavallino Rampante per attuare una strategia diversa per il brand inglese. La volontà è quella di creare, proprio come la Rossa di Maranello, delle one-off personalizzate per clienti facoltosi, facendo accrescere ulteriormente l’appeal del marchio britannico.

Il 2020 sarà un anno importante per Aston Martin che lancerà la versione definitiva della Valkyrie. Nel 2022 sarà la volta della Valhalla che verrà mostrata in anteprima nel prossimo film di James Bond, mentre e l’anno successivo toccherà alla Vanquish.

In mezzo, nel 2021, ci sarà il grande ritorno in Formula 1, grazie all’accordo con Lawrence Strool, proprietario di Racing Point F1. La scuderia Aston Martin prenderà il posto della ex Force India, tornando a gareggiare nel ‘Circus’ dopo le fugaci apparizioni del 1959 e del 1960. La sfida alla Ferrari inizierà in Formula 1 per poi spostarsi anche fuori dalle piste.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Aston Martin, dopo la Formula 1 c’è un progetto ambizioso