L’auto nel box deve essere assicurata

Il proprietario dovrà rinnovare la propria assicurazione anche se il veicolo non viene più adoperato

La Corte di Giustizia impone una costante copertura assicurativa per la propria auto, anche quando si è scelto di non utilizzarla più.

Le responsabilità del proprietario di un veicolo non svaniscono nel nulla, soltanto perché il suddetto mezzo non viene più utilizzato in strada. La Corte di Giustizia dell’Unione europea ha infatti stabilito la necessità di una copertura assicurativa anche per i mezzi fermi, in garage privato all’aperto o al chiuso.

Ecco quanto evidenziato dalla sentenza inerente un caso portoghese, destinato a far giurisprudenza: “Qualora il veicolo in questione non sia stato ufficialmente ritirato dalla circolazione, e risulti idoneo a circolare, dovrà essere coperto da regolare assicurazione per responsabilità civili, anche se il proprietario avesse deciso di cessarne l’utilizzo, stazionando lo stesso su un terreno privato”.

Nello specifico si fa riferimento al caso di una signora che aveva deciso di non guidare più la propria auto. Questa era stata di fatto abbandonata nel cortile di casa, senza procedere al regolare rinnovo dell’assicurazione Rca. A insaputa della donna, il figlio ha preso in prestito l’auto, portandola in strada.

Le conseguenze di tale gesto sono state fatali, dal momento che l’uomo ha provocato un incidente mortale, nel quale ha perso la vita, insieme a due passeggeri della seconda vettura coinvolta. Gli aventi diritto sono stati prontamente risarciti dal Fondo portoghese di garanzia automobilistica, che ha ora chiesto il risarcimento alla proprietaria dell’auto, considerando la mancata copertura assicurativa. Una somma non di poco conto, dall’ammontare di 500mila euro.

La donna, che piange la morte del figlio, si è opposta al risarcimento. Non si ritiene infatti in alcun modo responsabile dell’incidente. La vettura era ferma ormai da tempo e il suo utilizzo è avvenuto senza che lei ne fosse a conoscenza. Il caso potrebbe essere paragonato a quello di un incidente provocato da un’auto rubata. L’utilizzatore però era in questo caso il figlio della proprietaria, e le motivazioni addotte alla sospensione della copertura assicurativa non hanno convinto la Corte.

Questa ha dunque respinto il ricorso, dichiarazione l’assicurazione sempre obbligatoria per quei veicoli immatricolati negli Stati membri dell’Unione europea, e idonei a circolare. L’organismo dunque avrà modo di rivalersi contro chi non abbia assolti ai propri obblighi, anche se non ritenibili civilmente responsabili dell’incidente.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI L’auto nel box deve essere assicurata