Assicurazione auto: arriva il tagliando col chip anti-truffa

Il Consiglio di Stato dice sì al contrassegno elettronico Rca: così sarà impossibile clonare i tagliandi cartacei. E le tariffe potranno scendere

Una guerra alle truffe: è una delle chiavi per fare calare le Rca, schizzate alle stelle in Italia. Ecco perché il Consiglio di Stato ha detto sì al contrassegno elettronico Rca. Di che si tratta? Una delle frodi più comuni è la clonazione del contrassegno: prendono un vero tagliando Rca (di quelli che si espongono sul parabrezza), lo “fotocopiano”, e così circolano come se avessero pagato la polizza. Senza incorrere in sanzioni. Ma già da tempo il legislatore pensa a un tagliando con un chip dentro, facilmente individuabile: si capirà subito se il mezzo è in regola oppure no. Nel secondo caso, multa e – quel che più conta – veicolo fermato, così che non possa fare danni.

Adesso, il Consiglio di Stato ha espresso un giudizio positivo sullo schema del decreto predisposto dal ministero dello Sviluppo economico e dal ministero dei Trasporti: il contrassegno elettronico è ok. E un sistema consentirà l’accesso via web alla banca dati da parte delle Compagnie. Si conoscerà  l’avvenuta stipula delle polizze di ogni veicolo in circolazione, il che permetterà l’efficace controllo da parte delle Forze dell’ordine.

Il contrassegno elettronico eliminerà questi potenziali pirati della strada. sono addirittura 3,5 milioni i veicoli senza Rca: mine vaganti per gli automobilisti onesti. Se, come accade sempre più spesso, una vettura priva di Rca tampona un’altra macchina, il proprietario di quest’ultima dovrà rivolgersi al Fondo vittime della strada per ottenere il risarcimento: una procedura lenta e faticosa. Inoltre, il tagliando col chip sanerà un bel buco nel bilancio delle Compagnie, un mancato incasso per le Assicurazioni. Una perdita che si spalma su tutti gli automobilisti e motociclisti onesti: questi pagano Rca più salate per sopperire al minor guadagno delle Compagnie. Con la Rca elettronica, le tariffe caleranno: ora si aspetta solo la norma definitiva.

(a cura di OmniAuto.it)

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Assicurazione auto: arriva il tagliando col chip anti-truffa