Alfa Romeo Giulia: boom di visite nelle concessionarie

Quasi 35mila visitatori e 8mila test drive nei 166 punti vendita Alfa Romeo

Boom di visite nelle concessionarie Alfa Romeo nel weekend di porte aperte appena trascorso e dedicato specificatamente alla nuova Giulia, il gioiello che nei piani di Sergio Marchionne deve segnare il rilancio del Biscione in Italia, in Europa e nel Resto del Mondo.

Nei 166 punti vendita Alfa si sono infatti registrati quasi 35mila visitatori e 8000 test drive, tanto che, considerate pure le richieste inevase di prove su strada, si sta pensando seriamente di replicare l’iniziativa anche in uno dei prossimi weekend. Intanto, a livello di numeri si è trattato di un successo inferiore in casa FCA soltanto al lancio della 500X avvenuto l’anno scorso ma si parlava di un numero più alto di concessionarie Fiat e di un modello destinano ad un mercato più ampio rispetto alla Giulia.

“L’Alfa è tornata alla grande: è stato un week end storico, qualcosa di più del lancio di un’auto, è stata la celebrazione dell’italianità – ha commentato Gianluca Italia, responsabile del Business Center Italy, la direzione commerciale che comprende tutti i brand venduti in Italia da Fiat – I nostri venditori non hanno mai potuto sedersi, erano sempre in giro strattonati dalla gente”.

“Nella mia esperienza non ho mai visto il cofano di una macchina aperto così tante volte. I consumatori cercavano il cuore Alfa , che è nel suo motore, tanto che molti si sono presentati come “Alfisti” anche senza possedere un’Alfa. Questo perché mancava un prodotto firmato Alfa e la gente si è esaltatata proprio perché con la Giulia è tornato il dna Alfa”, ha aggiunto Italia.

In attesa di ‘quantificare’ appieno i numeri del successo attraverso i dati ufficiali, per ora si sa che la clientela interessata alla nuova Giulia è di età inferiore ai 55 anni tipici del segmento D nel qual rientra la nuova Alfa, e che metà dei nuovi clienti arriva da un’auto tedesca, BMW in primis, quasi che questo tipo di pubblico sia stato convinto dal nuovo spot della casa di Arese.

A livello di tipologia di richieste, l’allestimento più gettonato è stato per il 90% quello Super, il top di gamma, mentre il 3% è stato relativo alla Quadrifoglio, la sportiva da 510 cavalli. Il colore preferito nelle ordinazioni è stato il Rosso Alfa Romeo e solo il 30% dei clienti si è affidato alla versione diesel con cambio automatico, solitamente l’abbinamento più venduto per questo tipo di auto, una scelta spiegabile con il fatto che le vetture in prova erano prevalentemente con cambio manuale.

Così, qualora si organizzasse un secondo weekend di porte aperte, ad Arese stanno già pensando di mettere a disposizione come “test car” la Giulia 2.2 diesel 180 CV con cambio automatico. Intanto, chi ha ordinato la nuova auto dovrà aspettare solo fine giugno, quando sono previste le prime consegne: i tempi di attesa sono infatti quantificati in poche settimane.

MOTORI Alfa Romeo Giulia: boom di visite nelle concessionarie