In arrivo un altro dieselgate: spunta anche la Porsche?

Il dieselgate potrebbe conoscere un nuovo capitolo

Il dieselgate potrebbe conoscere un nuovo capitolo: secondo l’Epa, l’agenzia federale di protezione dell’ambiente Usa, Volkswagen avrebbe ‘truccato’ un altro motore oltre a all’ormai celebre 2.0 TDi “common rail” che ha dato via allo scandalo mondiale. Il propulsore in questione sarebbe il 3 litri V6 diesel montato su una serie di auto prodotte tra il 2015 e il 2016, tra cui Touareg, Audi A6 Quattro, A7 Quattro, A8 e Q5 e, per la prima volta, Porsche Cayenne.

Secondo l’Epa, come nel caso del diesel 2.0, la casa tedesca avrebbe installato anche sul 3 litri un sotfware dotato di un timer che permette al motore di cambiare il proprio comportamento (e relativi consumi ed emissioni) nei test rispetto ai viaggi si strada. In questo modo, le emissioni reali di monossido di azoto sarebbero di ben nove volte superiori a quelle emerse nei test. Qualora l’irregolarità venisse confermata, Volkswagen rischierebbe una multa di circa 37mila dollari per veicolo, per una somma di 375 milioni di dollari, da aggiungere ai miliardi da sborsare per il precedente dieselgate.

“Ancora una volta la Volkswagen ha fallito il suo obbligo di rispettare una legge che tutela l’aria pulita per tutti gli americani – ha dichiarato Cynthia Giles, assistente amministratore per l’ufficio dell’Epa – Tutte le aziende dovrebbero seguire le stesse regole. L’Epa, insieme allo Stato e ai suoi partner federali, continuerà a indagare sulla vicenda per garantire condizioni di parità alle imprese responsabili e per garantire che i consumatori ottengano le prestazioni ambientali che si aspettano”.

La risposta della Volkswagen, questa volta, è stata però ben diversa dall’ammissione di responsabilità avuta nel primo caso: “Sui modelli 3 litri V6 diesel non è stato installato alcun software programmato per modificare in modo illegale i valori dei test antismog – hanno fatto sapere da Wolfsburg tramite una nota ufficiale – Volkswagen è pronta a collaborare pienamente con la EPA per chiarire in modo completo la questione”

In arrivo un altro dieselgate: spunta anche la Porsche?
MOTORI In arrivo un altro dieselgate: spunta anche la Porsche?