Ritiro della patente per chi telefona alla guida

Ormai è un’abitudine pericolosa per molti quella di controllare in maniera ossessiva il proprio cellulare quando si guida. Purtroppo una percentuale importante di incidenti è causata da queste distrazioni: il 75% delle persone parla, chatta, pubblica post e foto sui social e addirittura naviga sul Web mentre guida.

Il nuovo Codice della Strada, dopo l’approvazione a ottobre 2014 alla Camera, ora è atteso l’esame finale per il testo che contiene tante novità e che potrebbero entrare in vigore a fine 2017.

La ”lotta alla distrazione” è una priorità e provvedimenti ad hoc saranno inclusi nel nuovo Codice: tipo il ritiro della patente immediato (da 15 giorni fino a 2 mesi) se pescati a smanettare con lo smartphone alla guida o il sequestro amministrativo dell’apparecchio per verificare se un incidente sia avvenuto a causa dell’utilizzo improprio del cellulare.

Sempre in tema sicurezza, nel nuovo codice della strada si parla di scatole nere obbligatorie per le auto e della difesa dei soggetti ”deboli” come pedoni, ciclisti e motociclisti per i quali le insidie sulle strade sono sempre in agguato.

Ma le novità riguardano anche l’evoluzione tecnologica del settore automobilistico, come, per esempio, la guida autonoma. In futuro bisognerà tenere conto che alcune soluzioni saranno obbligatorie: vivavoce integrato, segnalatore di invasione di corsia e di avvicinamento al bordo della strada, frenata automatica di emergenza e specchietto intelligente che elimina l’angolo cieco.

Ritiro della patente per chi telefona alla guida
MOTORI Ritiro della patente per chi telefona alla guida