Parcheggio gratis su strisce blu se il parchimetro è senza bancomat? Facciamo chiarezza

La Legge di Stabilità prevede che si possa pagare il parcheggio anche e non solo con bancomat

Fermi tutti. Se pensavate di poter non pagare il parcheggio sulle strisce blu perché la ‘colonnina’ più vicina non era predisposta al pagamento tramite POS (leggasi bancomat), potreste dover far marcia indietro e affidarvi alle ‘vecchie’ monetine.

Ripercorriamo la vicenda che rischia di aver ‘illuso’ migliaia di automobilisti. La nuova Legge di Stabilità 2016 prevede che dal primo luglio le macchinette per l’erogazione dei ticket del parcheggio siano predisposte al pagamento tramite POS. ll fine della norma è quello di incentivare i pagamenti elettronici e prevede l’estensione ai dispositivi di controllo di durata della sosta l’obbligo di “accettare anche pagamenti effettuati attraverso carte di debito e carte di credito”.

Da qui, in molti avevano dedotto che, in caso di macchinetta non attrezzata, si potesse parcheggiare gratuitamente sulle strisce blu, considerando l’assenza del POS una ‘giustificazione’ sufficiente, tanto che è già capitato che alcune persone, non vedendo la colonnina predisposta, non abbiamo messo alcun tagliando sulla macchina e siano poi state multate, con relative polemiche per l’interpretazione della norma.

A correggere il tiro sono così intervenute diverse società dell’AiPArk, l’Associazione Italiana tra gli Operatori nel settore della Sosta e dei Parcheggi, che hanno immediatamente ricordato come “l’uso delle carte bancarie sia solo uno dei modi possibili di pagamento della sosta, poiché rimangono disponibili altri sistemi”.

“La Legge di Stabilità ha previsto l’aggiunta del Bancomat ai mezzi alternativi ai contanti per il pagamento del posteggio sulle strisce blu. In assenza dei regolamenti attuativi che normino le varie situazioni e indichino all’automobilista come comportarsi nel caso di assenza dell’accettatore elettronico, rimangono validi i metodi di pagamento utilizzati sino a oggi – ricorda Easy:Park – A seconda del tipo di macchinetta, quindi, si può pagare la tariffa utilizzando monete, contanti e carte di credito. In alternativa, se previsti dal concessionario dell’area, si possono impiegare delle carte prepagate, ”grattino” compreso”.

“In alcune aree, poi, sono attivi i pagamenti elettronici tramite app per smartphone (per esempio Ping). In ogni caso, in assenza di una o più di queste possibilità l’automobilista non è mai esentato dal pagamento della cifra prevista”, conclude nella sua nota la società di parcheggi.

Quindi, se la colonnina del parcheggio sulle strisce blu non è dotata di dispositivo POS, bisognerà arrangiarsi con i metodi più tradizionali o il telefonino. Nel caso, ricordatevi le monetine.

Parcheggio gratis su strisce blu se il parchimetro è senza bancomat? Facciamo chiarezza
MOTORI Parcheggio gratis su strisce blu se il parchimetro è senza bancomat? ...