Italia, il paese dove i carburanti costano di più

Gli Italiani sono i più tartassati d’Europa quando si tratta rifornire la propria auto di carburante: il fisco italiano ricopre un ruolo fondamentale

Il dolore di recarsi alla pompa del distributore per fare rifornimento è attenuato dal piacere della guida? Secondo i dati del Cost Car Index non vi è dubbio alcuno: gli Italiani amano le proprie vetture al punto da sopportare un costo del carburante tra i più alti del mondo, il quarto secondo Bloomberg, e in assoluto il più alto d’Europa. A differenza degli altri paese Europei spendiamo circa il 15% del nostro reddito mensile in carburanti: le statistiche impietose ci mettono a conoscenza ed evidenziano che il costo del carburante in Italia è da record.

Secondo il Coast Car Index 2016 della LeasePlan, un indice che verifica i costi del possesso di una vettura in 24 paesi in Europa, emerge che le cose virano di male in peggio per gli automobilisti: l’Italia risulta essere il secondo paese più costoso per possedere un’auto a benzina (678 euro al mese).

Rispetto alla media dei 24 paesi presi in esame, l’Italia batte tutti per i costi del carburante (diesel e benzina), subito dopo troviamo Grecia, Portogallo e Turchia e il fanalino di coda spetta alla Russia, il paese dove la benzina costa in media circa il 50% in meno.

Ponendo come base una percorrenza annuale di 20.000 chilometri, gli automobilisti italiani spendono circa 135 euro e 89 euro al mese rispettivamente per benzina e diesel, in pratica il 20% e il 14% dei costi totali della guida di un veicolo.

Quello che differenzia l’Italia dagli altri paesi e come quasi tutti sapranno, sono le imposte esageratamente elevate che vanno ad incidere di circa il 60% sul prezzo di un litro di carburante; secondo l’Associazione Artigiani e Piccole imprese di Mestre, il tasso più alto d’Europa.

Non è un segreto la passione per i motori degli italiani: uno dei paesi che contano più auto pro-capite del mondo; secondo la Banca Mondiale, in Italia (2011), sono registrati 682 veicoli per ogni 1.000 persone.

Quasi consapevole di questa devozione per i motori da parte degli italiani, il governo italiano, ha continuato nel corso degli anni ad aumentare senza sosta le imposte sui carburanti , quasi a voler sbeffeggiare tutti coloro che in occasione della Pasqua constateranno nuovi aumenti alla stazione di rifornimento e magari saranno in viaggio verso qualche località turistica.

Italia, il paese dove i carburanti costano di più
MOTORI Italia, il paese dove i carburanti costano di più