In arrivo dall’Unione Europea nuovi controlli per le auto

Il Comitato tecnico Ue ha approvato una serie di nuovi test per l'auto

Importanti novità in arrivo dall’Unione Europea per il mondo dell’automobile: tra il 2017 e il 2018 potrebbero infatti diventare obbligatori una serie di nuovi test per misurare i consumi di benzina e le emissioni di CO2 delle auto, una misura considerata ormai improrogabile dopo lo scandalo Volkswagen e la poca affidabilità dei controlli attuali.

Il Comitato tecnico Ue ha infatti approvato la metodologia di test sviluppata dall’Onu con il sostegno della Commissione Ue, definita Wltp (World Harmonised Light Vehicle Test Procedure): con questi nuovi sistemi si potranno determinare in modo decisamente più realistico i valori di consumi ed emissioni, a tutto vantaggio dell’acquirente.

Perché i nuovi controlli diventino a tutti gli effetti obbligatori si aspetta solo il via libera dell’Europarlamento e del Consiglio UE, via libera che viene però considerato da più parti come scontato. Se tutto dovessse pocedere senza intoppi, i test dovrebbero diventare obbligatori da settembre 2017 per i nuovi modelli e da settembre 2018 per tutti i tipi di vetture

“La Commissione continua a rispondere alle rivelazioni sulle emissioni auto con misure concrete”, ha dichiarato Elzbieta Bienkowska, commissaria al mercato interno, mentre Miguel Canete, commissario all’ambiente, ha promesso ulteriori novità: “Per il post 2020 la Commissione proporrà nuovi ambiziosi standard CO2 per il settore auto per il post 2020″.

In arrivo dall’Unione Europea nuovi controlli per le auto
MOTORI In arrivo dall’Unione Europea nuovi controlli per le auto