Google Maps, finalmente arrivano i limiti di velocità su Android Auto

Al momento la nuova funzione che consente di essere informati sui limiti di velocità della strada che si sta percorrendo è disponibile solo a San Francisco e Rio de Janeiro

Google Maps sta diventando un affidabile copilota. La sua minuziosa mappatura di tutte le strade del mondo, associata al potente e preciso geo-localizzatore, consente di avere sempre sotto controllo preziose informazioni. Con auto sempre più interconnesse l’applicazione di Mountain View è in grado di evidenziare in tempo reale i dati sul traffico, le code autostradali, le stazioni di rifornimento aperte e tanti altre comode informazioni. Ma c’è ancora tanto da fare e le richieste degli utenti non si contano. Molti hanno evidenziato quanto potrebbe essere utile avere sempre sotto controllo la segnalazione dei limiti di velocità da rispettare mentre si è alla guida, richieste che pare stiano per essere esaudite.

Sui terminali di Android Auto d’oltreoceano, nell’angolo in basso del display delle mappe, è iniziato a comparire un quadrato che indica proprio il limite e di velocità. I rumors degli scorsi mesi avevano già anticipato la possibile innovazione.

Ma per la diffusione capillare del servizio su tutto il mondo bisognerà attendere. Per adesso la funzione è stata attivata soltanto in alcune zone di San Francisco negli Stati Uniti e di Rio de Janeiro in Brasile.

Se la scelta di San Francisco appare quasi naturale, dato che è la città dove gli ingegneri informatici di Google mettono a punto i propri apparecchi ed elaborano i software, sfuggono le motivazioni che hanno portato a scegliere come città sperimentale la metropoli brasiliana. Di certo, però,  sono comprensibili i motivi che spingono i responsabili di Google a muoversi con cautela.

Mappare tutti i segnali stradali del mondo e i limiti di velocità di ogni tratto di strada richiede un lavoro mastodontico. Il colosso informatico di san Francisco non può permettersi di sbagliare su un aspetto così delicato, sarebbe a rischio la credibilità di tutta l’azienda e l’incolumità di migliaia di persone.

Eppure il materiale non manca. Waze, uno dei navigatori più apprezzati dagli utenti, di proprietà di Google, ha attivato da diversi mesi la funzione per evitare di superare i limiti di velocità anche nelle strade italiane, sempre in fase sperimentale. Probabilmente ingegneri e analisti utilizzeranno i dati raccolti da Waze, che sta funzionando un po’ come una cavia per raccogliere dati e testare le criticità, in modo da rendere la nuova funzione di Android Auto perfetta in ogni aspetto.

Google Maps, finalmente arrivano i limiti di velocità su Android Auto
MOTORI Google Maps, finalmente arrivano i limiti di velocità su Android ...