Dalla Germania un prestigioso premio per lo stabilimento FCA di Melfi

Il magazine tedesco "Automobil Produktion" e la Agamus Consult hanno premiato lo stabilimento FCA di Melfi

Dalla Germania arrivano spesso critiche di vario genere all’Italia e alle sue imprese, oggettivamente talvolta lontane dall’efficienza teutonica: è ancora così da ancor più da rimarcare il premio assegnato a FCA dal magazine tedesco “Automobil Produktion” insieme alla società di consulenza Agamus Consult.

Il riconoscimento internazionale è lo “Special Award OEM: SMART Digital Operations”, dato annualmente dal giornale e da Agamus dopo un processo di analisi e valutazione delle fabbriche dei paesi europei. Dopo una prima analisi dei questionari provenienti dagli stabilimenti di vari paesi, si opera una selezione dei candidati nelle diverse categorie. Il processo di selezione prevede inoltre verifiche in stabilimento, incontri specifici e colloqui, con cui vengono approfonditi e convalidati i dati raccolti attraverso i questionari.

Nello specifico, è analizzato il sistema di produzione e la sua applicazione nello stabilimento, verificando che i principi della Lean Production, soprattutto nell’ambito della qualità, della manutenzione, della logistica e dello sviluppo delle persone, siano applicati con coerenza e costanza per da creare un ambiente di lavoro che supporti in modo strutturato ed efficace il processo di miglioramento continuo e l’eliminazione sistematica degli sprechi. Alla fine di questo processo di valutazione, la giuria internazionale specializzata di Agamus Consult seleziona i vincitori.

Così, quest’anno la vittoria è andata allo stabilimento FCA di Melfi: nelle motivazioni della scelta, sono state messe in evidenza l’applicazione sistematica e coerente delle metodologie World Class Manufacturing (WCM) quale prerequisito per la realizzazione della SMART Digital Factory.

Non è peraltro la prima volta che FCA riceve un riconoscimento per i suoi impianti di produzione nell’ambito dell’Automotive Lean Production Awards: in particolare, il riconoscimento è stato assegnato nel 2012 all’impianto di Pomigliano e nel 2015 a quello di Verrone.

L’impianto di Melfi ha una superficie di oltre 1,9 milioni di metri quadrati. Dal 1994, anno di avvio della produzione, ad oggi, ha prodotto oltre 6,3 milioni di autovetture. Il complesso impiega un totale di circa 7.700 lavoratori; 5 presse e 2 trance per la fase di stampaggio; 860 robot per la fase di lastratura; 54 robot per le operazioni di verniciatura e 278 stazioni automatiche di avvitatura.

Ricordiamo come recentemente si peraltro verificata a Melfi una circostanza quantomeno curiosa: nell’impianto, dove si producono Jeep Renegade, 500X e Punto, l’azienda è stata costretta a lasciare a casa momentaneaente quattromila dipendenti ma non per carenza di produzione o crisi. Tutt’altro: alcune aziende fornitrici non riuscivano infatti a reggere il passo degli alti ritmi di produzione dell’impianto, legati all’alta richiesta dei modelli questioni, in particolare di Jeep.

Non a caso negli ultimi tempi ci sono state 250 nuove assunzioni nello stabilimento della Basilicata e altre 350 sono attese per l’autunno, oltre a nuovi impieghi previsti in aziende limitrofe. L’obbiettivo è di arrivare da novembre a produrre 1200 vetture al giorno, obbiettivo importante anche per uno dei migliori stabilimenti europei.

Dalla Germania un prestigioso premio per lo stabilimento FCA di Melfi
MOTORI Dalla Germania un prestigioso premio per lo stabilimento FCA di M...